Diesel euro 3, slitta Area B a Milano: scatterà il 25 febbraio la Ztl più grande d’Italia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 novembre 2018 22:30 | Ultimo aggiornamento: 9 novembre 2018 22:30
area b milano

Diesel euro 3, slitta Area B a Milano: scatterà il 25 febbraio la Ztl più grande d’Italia

MILANO – Milano si prepara all’avvio di “Area B“, la nuova zona a traffico limitato che sarà “aperta” ufficialmente il 25 febbraio 2019, e non più il 21 gennaio come annunciato in precedenza. A spiegarlo è stato Marco Granelli, assessore all’ambiente di palazzo Marino. 

Area B: chi non può circolare, gli orari

La nuova Ztl sarà la più grande d’Italia e coprirà praticamente tutta Milano, dove non potranno più circolare le auto Diesel fino agli euro 3 e le macchine a benzina. 

L’Area B sarà in vigore dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30 e sarà controllata da 188 varchi, tutti – entro il 2020 – sorvegliati dalle telecamere. Inizialmente gli occhi elettronici saranno solo 15, poi ne saranno sistemati altri 78. 

Dopo quello del 25 febbraio, il secondo step di Area B avverrà il 1° ottobre 2019 con lo stop ai diesel euro 4, già vietati dal 2017 in Area C. Dal 2030, poi, saranno al bando tutti i veicoli Diesel.

Auto diesel Euro 6: ecco i modelli che potranno circolare fino al 2030

Area B: le deroghe

Non ci saranno deroghe per over 70 e disoccupati, come per il Piano aria della Regione, ma chi ha un reddito Isee sotto i 14mila euro potrà accedere agli incentivi per il cambio auto previsti già per i commercianti. 

Piccola eccezione, invece, per gli ambulanti. Fino al 31 dicembre 2020, infatti, quelli con una concessione negli spazi dei mercati comunali rionali potranno circolare anche con auto euro 3 o euro 4 grazie a una “scatola nera” fino a un massimo di mille chilometri all’anno in area B. Gli ambulanti con veicoli diesel euro 0, 1 e 2 – ha fatto sapere il comune – non potranno circolare a meno che non si muniscano di Fap.

“Questo provvedimento darà un aiuto significativo a migliorare la qualità dell’aria – ha detto Granelli -. Non possiamo più aspettare anche se sappiamo che chiediamo sacrifici a cittadini e imprese”.

Area B: ecco dove saranno le prime telecamere

Dal 12 novembre partirà una massiccia campagna informativa che utilizzerà diversi media: affissioni, web, il circuito degli schermi di Atm, Comune, Telesia, Clear Channel. Cartelli e messaggi informativi saranno posizionati su autostrade e tangenziali, e banner saranno presenti sulle pagine web del Comune, degli aeroporti di Linate e Malpensa, di Milanosport e Atm. Ci saranno anche spot sulle principali emittenti radio e tv locali e pagine web e sulle principali testate giornalistiche.

Da gennaio ed entro il 25 febbraio sarà completato il posizionamento della segnaletica stradale, che prevede cartelli come da codice stradale e cartelli informativi molto visibili.

Le prime telecamere ad accendersi sanno in via Anassagora, Pirelli, Sarca, Giuditta Pasta, Gallarate, Tofano, Basilea, Zurigo, Gonin, Baroni, Cassinis, Rogoredo, Carlo Feltrinelli, Mecenate, Fantoli.

Contributi per cambiare auto a famiglie con reddito basso

Per consentire alle famiglie con reddito basso di cambiare auto il Comune ha deciso di estendere anche ai privati i contributi destinati ai veicoli merci, in particolare alle famiglie che hanno un reddito pari o sotto i 14 mila euro. “Crediamo che la strada delle deroghe scelta della Regione Lombardia non sia giusta – spiega Granelli -. In questo modo crediamo di dare un contributo concreto alla riduzione delle emissioni. Alla Regione e al governo diciamo che noi stiamo percorrendo questa strada, anche mettendo risorse, ma vogliamo che tutti facciano la loro parte, anche stanziando più fondi per il trasporto pubblico”.