Rai pena: alzare un po’ il ginocchio, è una opportunità per rimorchiare?

di Riccardo Galli
Pubblicato il 26 Novembre 2020 10:43 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2020 11:50
Detto Fatto e la spesa sui tacchi. Emily Angelillo: "Mi hanno lapidata"

Detto Fatto e la spesa sui tacchi. Emily Angelillo: “Mi hanno lapidata”

Rai pena: alzare un po’ il ginocchio davanti allo scaffale mentre fai la spesa, è una opportunità.

Opportunità di cosa? Cosa è una opportunità per le donne a far la spesa nella testa di chi ha confezionato quella punta di “Detto Fatto” Rai”2?

Che scandalo? No, che pena. 

Non fa nessuno scandalo quella signorina che si ingegna nel video detto tutorial a mostrare come si mostra la mercanzia femminile mentre da brave donnine si è intente a far la spesa. Fa pena, non scandalo. Cosa può fare se non pena un testo, un video e una che invita ad avvicinarsi agli scaffali con “un tocco più intrigante”? Cosa può fare se non pena l’idea di consigliare via tv alle donne di cogliere l’opportunità di alzare un po’ il ginocchio? L’opportunità di rimorchiare un maschietto? Non c’è scandalo, solo profonda pena. Non c’è scandalo, non si vede nulla se non la infinita profondità del nulla. Il nulla dello spessore di chi pensa (si fa per dire) i programmi tv detti di intrattenimento.

Rai, di tutto, di più…e anche di meno.

Che pena, pena per autori, conduttori, ideatori. Per pensare(?) che una cosa così possa essere ironica e spiritosa (tesi sostenuta ad imbarazzante auto difesa) bisogna essere sinceri. Sì, non è una scusa, una pezza a colore quella del pensavamo di essere leggeri, carini, spiritosi. No, non c’è malizia. C’è miseria. Profonda miseria culturale. Dove qui per cultura non si intendono libri letti e studi fatti (che con tutta evidenza latitano). Qui per cultura si intende intelligenza, brillantezza, competenza, sensibilità, cognizione del mondo, del tempo, consapevolezza del senso e significato di ciò che si fa. Tutta roba che autori, conduttori, ideatori, programmatori e, perché no, dirigenti e direttori non hanno mai posseduto o comunque hanno rimosso.

Non solo Rai, tutta la tv del pomeriggio…e anche a sera spesso e volentieri.

Non è un caso fortuito, un’eccezione, una pecora nera quel “Detto Fatto” che insegna alle donne ad alzare il ginocchio che è una opportunità…E’ tutto un gregge al pascolo e in transumanza ogni giorno su praticamente ogni rete tv. La tv del pomeriggio è fatta con questi ingredienti: sorrisi eterni quanto ebeti impastati con invettive sguaiate e volgari. Il tutto in un universo dove la celebrazione dei cavoli propri è liturgia e sacramento e il mostrarsi è atto di fede e cittadinanza al tempo stesso.

La tv del pomeriggio e anche della sera spesso e volentieri è tutta immersa nello stesso liquido amniotico che ha nutrito il tutorial pe la spesa sexy. L’acqua è quella, i pesci che vi nuotano sono quelli. Non è il mare della provocazione. Tanto meno quello della leggerezza. Meno ancora il golfo dello scandalo. E’ l’oceano dell’ignoranza. Quindi, signore, non perdonarli perché non sanno quello che dicono e quello che fanno. Non sono peccatori, sono peggio: ignoranti.