Vaccino una cosa di sinistra? Come la mascherina?

di Riccardo Galli
Pubblicato il 10 Dicembre 2020 10:28 | Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2020 10:28
Vaccino una cosa di sinistra? Come la mascherina?

Vaccino una cosa di sinistra? Come la mascherina? (Foto d’archivio Ansa)

Vaccino, lei è pronto a vaccinarsi? Domanda posta a due parlamentari, uno di Fdi e l’altro della Lega. Risposte entrambe a buttar la palla in tribuna, risposte a non dire mai sì, mi vaccino. L’uomo di destra non si vaccina? Come prima non si metteva la mascherina?

Se il buon giorno si vede dal mattino…

Dei due parlamentari racconta Aldo Cazzullo sul Corriere della Sera, ma non è difficile verificare e replicare l’esperienza. Domandi a destra e un sì, mi vaccino anche domani, questo non lo trovi praticamente mai. Dei due parlamentari citati uno ha francamente adottato la linea scettica, quella che consente di dire no al vaccino senza doversi dichiarare No Vax. E’ un No Vax di fatto quello di dire, come è stato detto e come va non poco di moda, aspetto di vedere l’effetto che fa.

Aspetto di vedere l’effetto che fa, un No appena camuffato

Aspetto di vedere l’effetto che fa sottende non incertezza sull’efficacia del vaccino ma dubbi sulla sua sicurezza. Aspetto di vedere l’effetto che fa è frase, concetto e disposizione d’animo e di intelletto che fa da sponda a dialoga con due pilastri della sub cultura No Vax: quello delle pericolosità dei vaccini, pericolosità per la salute, e quello della loro messa in circolazione solo per far soldi.

Un parlamentare di quelli raccontati dal Corriere della Sera ha detto: aspetto di vedere l’effetto che fa. Cioè non mi fido delle autorità di controllo, cioè non mi fido dei laboratori e di chi ci lavora, cioè non mi fido dei vaccini, cioè mi sono dimenticato che probabilmente sono vivo perché nella vita mi sono vaccinato. No, quest’ultima frase il parlamentare di destra non l’ha né detta né sottintesa, tutto il resto però sì.

Chiederò al mio medico di famiglia

L’altro parlamentare della destra italiana ha detto: chiederò al mio medico di famiglia. Uno svicolare un po’ più anguillesco e meno marziale di quello del suo collega. Chiedere al medico di famiglia…insomma la qualunque, una frase qualunque pur di non dire mi vaccino. La qualunque pur di non dispiacere alle varie famiglie di scettici, esitanti, o militanti nemici, avversari, boicottatori della vaccinazione anti Covid.

Era già successo con la mascherina

Da Trump a Salvini l’atto di indossare la mascherina è stato a lungo definito e trattato dalla comunicazione e propaganda della destra ideale e politica come una cosa di sinistra. Poco maschia, poco virile, molto piagnona. Insomma di sinistra, roba da gente che non lavora con le mani, roba da donnicciole o peggio. Non mettere la mascherina al contrario è stato secondo pensiero e propaganda della destra, atto di sana ribellione ai diktat di governi invadenti, insomma l’Io di destra non si mette la mascherina, diventerebbe, scalerebbe, scadrebbe in un Noi.

Comincia a riproporsi o stesso schema comportamentale e ideologico con il vaccino. Se il buongiorno si vede dal mattino, faranno campagna anti vaccino?