Riccardo Galli

Vaccini, pericolo mamme per i figli: la metà non si fida

Vaccini, pericolo mamme per i figli: la metà non si fida

Vaccini, pericolo mamme per i figli: la metà non si fida

ROMA – Vaccini, pericolo mamme. Già, perché le mamme, proprio loro, sono diventate un pericolo per i figli. Niente sembra possa la medicina e i medici. Anzi, più i pediatri spiegano alle mamme che vaccinare è difendere, proteggere i figli, più le mamme diffidano. Hanno sentito dire che…

Niente sembra possa la scienza, della scienza le mamme pensano sia un sentito dire, peraltro meno frequente e più ostico del sentito dire tra loro. Niente sembra possano le campagne di informazione. E’ ormai assodato che la pubblica opinione (e le mamme sono pubblica opinione eccome) opera setaccio rigido sulle campagne di informazione. Il setaccio fa passare solo quello di cui si è già convinti, il resto resta fuori.

Non solo, la campagna di informazione pro vaccini viene ovunque dalle “autorità”, sanitarie o istituzionali. E “autorità” è a molte orecchie (anche di mamme) brutta e sospetta parola. Se le autorità dicono “bianco”, sotto “nero” ci cova. Così pensano e sentono vasti segmenti della pubblica opinione.

Quindi non sembra ci sia nulla da fare, almeno fino a che non sopraggiunga un fatto traumatico. Le mamme hanno rimosso (non dalla memoria che sono troppo giovani per averla di queste cose) dalla consapevolezza e dalla conoscenza minima i secoli e secoli fino a mezzo secolo fa del morbillo, polio, vaiolo e altre malattie che facevano strage e strame di figli. Malattie che i vaccini hanno sconfitto se non stroncato.

Le mamme danno per scontato che i loro figli non avranno nessuna di queste malattie, lo considerano un diritto acquisito, anche senza vaccini. E si preoccupano quindi del “che c’è” nei vaccini. Recenti indagini hanno stimato al 16 per cento la percentuale di mamme che ami e poi mai il vaccino a mio figlio/a. Mai e poi mai vaccino a nessuno perché è trucco e inganno e danno. Mamme che attribuiscono a se stesse la competenza clinica e immunologica, anzi della competenza hanno un pessimo e ostile giudizio. Sedici per cento…un’enormità.

Cui si aggiunge il 26 per cento di mamme che considerano i vaccini “più pericolosi di quello che dicono”. Mamme che insomma i figli forse li fanno vaccinare, ma a malincuore, con ansia e se possono evitano. E soprattutto mamme che prestano grande e benevolo orecchio a quel che si sente in giro sui vaccini. Hai sentito che…

Se si domanda alle mamme se sono preoccupate di far vaccinare i loro figli, il 45 per cento risponde con un chiaro e netto sì. Metà delle mamme sono preoccupate di garantire ai loro figli una conquista della medicina di cui l’umanità è stata priva per secoli. Lo strumento che consente ai loro figli di sopravvivere come ancora non capitava ai loro bisnonni, di vivere più a lungo e più sani preoccupa la metà delle mamme.

Le mamme, il primo e più forte presidio di protezione della prole. Adesso qualcosa le sta trasformando in un pericolo per i figli. Quel qualcosa cresce e sembra inestirpabile. Quel qualcosa chiamiamola ignoranza informata, quella che si è mangiata, si sta divorando sia il buon senso comune che il pensiero che nasce dagli studi. Pare che al momento contro l’ignoranza informata non ci sia vaccino.

To Top