Johnny Depp perde la causa col Sun, che lo definì “picchiatore di mogli”

di Caterina Galloni
Pubblicato il 2 Novembre 2020 13:27 | Ultimo aggiornamento: 2 Novembre 2020 13:27
Johnny Depp perde la causa col Sun, che lo aveva definito "picchiatore di mogli"

Johnny Depp perde la causa col Sun, che lo definì “picchiatore di mogli” (Foto Ansa)

Johnny Depp perde la causa contro il Sun che l’aveva definito “un picchiatore di mogli”.

Johnny Depp ha perso la causa per diffamazione contro il tabloid britannico Sun che aveva definito l’attore un “picchiatore di mogli”.  

Il Sun vince la causa contro Johnny Depp

L’Alta Corte londinese ha dato ragione al Sun, che aveva accusato la star hollywoodiana di aver picchiato l’allora consorte Amber Heard.

Una decisione, scrive il Los Angeles Times, che potrebbe avere pesanti conseguenze sulla carriera di Depp.

Il giudice Andrew Nicol ha affermato che la ricostruzione del Sun ha riportato la realtà dei fatti, le affermazioni pubblicate sono “sostanzialmente vere”.

Depp, dunque ha perso la causa per diffamazione intentata contro il News Group Newspapers, editore del Sun, e l’executive director del giornale, Dan Wootton, presso l’Alta Corte di Londra.

La sentenza a 3 mesi dalla fine del processo con Amber Heard

La sentenza è a tre mesi di distanza dalla fine del processo tra l’attore e l’ex moglie Amber Heard, in cui sono stati rivelati pesanti dettagli del loro burrascoso matrimonio.

“Questa sentenza non è stata una sorpresa per chi di noi ha presenziato al processo dinanzi all’Alta Corte di Londra», ha affermato Elaine Charlson Bredehoft, uno degli avvocati difensori della Heard.

Ha aggiunto che si ripromette di utilizzare le conclusioni anche in un’altra causa per diffamazione intentata da Depp contro un editoriale del Washington Post.

Un portavoce del Sun ha dichiarato:”Per più di venti anni abbiamo condotto campagne a favore delle vittime di abusi domestici.

“Non devono essere messe a tacere, ringraziamo il giudice per l’attenta considerazione e Amber Heard che ha testimoniato”. (Fonte: Los Angeles Times)