Valentina Nappi: “Se le donne la dessero di più ci sarebbe meno violenza. Figli? Solo se ci fosse la peste”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Settembre 2020 11:45 | Ultimo aggiornamento: 28 Settembre 2020 11:45
Valentina Nappi a La Zanzara

Valentina Nappi: “Se le donne la dessero di più ci sarebbe meno violenza. Figli? Solo se ci fosse la peste”

A La zanzara, Valentina Nappi spazia dalla famiglia alla libertà sessuale come strumento contro le violenze e gli stupri.

Valentina Nappi, famosa attrice a luci rosse, è stata ospite del programma radiofonico La Zanzara.

Da poco la Nappi si è sposata e ammette di avere una concezione di famiglia convenzionale: “Io sono per la famiglia e per il valore della famiglia, ma non quella tradizionale che rinnega un figlio gay o come quella di Napoli dove un fratello insegue una sorella per ammazzarla. Quella tradizionale è così, ci sono i muri di genere così ingessati che portano a una violenza all’interno della famiglia”.

“Abbiamo tutti bisogno di avere un nucleo dove ci si sente amati e protetti, dunque sono a favore. Dato che stiamo insieme da undici anni perché non godere dei diritti delle persone sposate”, si chiede.

Valentina Nappi ha un pensiero diverso sulla procreazione e sui figli: “Siamo troppi al mondo. Ma non lo vedete che siamo troppi? C’è il riscaldamento globale, non si trova parcheggio. Fare un figlio è un gesto di egoismo. Bisogna prendersi la responsabilità verso la società. Quando si dice l’utero è mio e lo gestisco io va bene, ma quando metti al mondo una persona non ha a che fare solo col tuo utero. Quando il bambino non è più dentro di te, la cosa riguarda la collettività”.

Ha poi dichiarato di poter prendere in considerazione l’idea di avere un figlio solo nel caso in cui “ci fosse la peste e si dimezzasse la popolazione mondiale”.

Durante l’intervista aggiunge inoltre che vorrebbe sdoganare la masturbazione in pubblico per ridurre le violenze: “Ci deve stare così tanta fig* e ca**o in giro che deve essere ignorato, la gente non deve avere voglia di sc**are. Se ci sono uomini che allungano le mani significa che non toccano abbastanza cul*, sono repressi, gli hanno insegnato a fare i predatori e ci sono troppe fig** di legno in giro. Dunque se le donne la dessero via più facilmente ci sarebbero meno stupri. Nei Paesi dove la prostituzione è legale ci sono statisticamente meno violenze sulle donne”.

Infine, parlando di un suo possibile coinvolgimento in politica, rivela: “Non avrei più tempo per fare p*rno”. (fonte LA ZANZARA)