Firenze, sexy-gate Comune: escortforum, Hotel Mediterraneo, agenda… (foto)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 giugno 2013 11:43 | Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2017 12:05

FIRENZE – Sesso nell’ufficio del Comune, incontri con le escort all’Hotel Mediterraneo, ora anche la lista con le “signorine” disponibili e le professioniste reclutate sul sito escortforum. Firenze è travolta dal sexy-gate e la prima testa a saltare è quella di Massimo Mattei, assessore alla mobilità che s’è dimesso. Uno dei suoi collaboratori è stato sorpreso a fare sesso selvaggio in un ufficio comunale con una escort. La novità dell’ultima ora però sarebbe quella, rivelata da La Nazione dell’agenda con i nomi di escort e di “utilizzatori”. Un’agenda che potrebbe far saltare altre teste.

Massimo Vanni su Repubblica spiega che, secondo l’accusa,

due albergatori e un orefice hanno favorito per anni, secondo le accuse, un impressionante giro di escort italiane e straniere,ricavandone soddisfazione personale in orge e festini oltre che notevoli profitti. Un giro che vede coinvolti imprenditori, artigiani, professionisti, un noto procuratore sportivo, il direttore di una nota palestra cittadina, perfino qualche politico e qualche giornalista

Nell’occhio del ciclone finisce un albergo, l’Hotel Mediterraneo, dove sarebbero avvenuti parecchi incontri:

Secondo le accuse, l’Hotel Mediterraneo, 4 stelle sul Lungarno, era divenuto il terminale locale del sito escortforum, «vetrina virtuale di offerte sessuali operativa su tutto il territorio nazionale e non solo». La polizia postale ha contato in soli 23 giorni, fra il dicembre 2011 e il marzo 2012, 142 escort, da 3-4 fino a 10 al giorno, che ricevevano i clienti al Mediterraneo: il tutto sotto lo sguardo soddisfatto dei due gestori, i fratelli Marco e Simone Taddei, che si dedicavano per lo più al golf e alla caccia, ma erano ben contenti per i benefici effetti del giro di escort sui bilanci dell’hotel e spesso rivendicavano una sorta di diritto di prelazione sui nuovi arrivi. Ora sono interdetti dall’attività alberghiera, costretti dai soci di maggioranza a dimettersi, e indagati con altre 12 persone dal pm Giuseppe Bianco per favoreggiamento della prostituzione. Uno di loro, in una memorabile conversazione con un compagno di bagordi, commenta: «Quando ci si vede si fa a scambio di figurine».

Le foto degli incontri sono tratte da un video della Polizia Postale di Firenze pubblicato sul Quotidiano.net

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other