Foodporn, vietato fotografare ciò che mangi: gli chef francesi si ribellano

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 febbraio 2014 20:52 | Ultimo aggiornamento: 17 febbraio 2014 20:54

PARIGI  – Vietato fotografare i piatti degli chef e postarli su Facebook. I ristoratori francesi si ribellano al dilagare del cosiddetto Foodporn, ovvero a coloro i quali “fanno l’amore con il sapore” e hanno la morbosa abitudine di fotografare e condividere tutto ciò che mangiano sui social network.

Gli chef francesi si aggiungono ad una già lunga schiera di oppositori, stufi di trovarsi la timeline di Facebook, Twitter o Instagram piena zeppa di foto golose. Sono fastidiose oltre a rovinare l’effetto sorpresa. Alexandre Gauthier, chef del ristorante la Grenouillere a La Madelaine-sous-Montreuil, una sessantina di chilometri da Calais, ha spiegato al Daily Mail:

“Prima facevano le foto alla famiglia, alla nonna, adesso fanno le foto ai piatti. C’è un tempo e un luogo appropriato per ogni cosa. Il nostro scopo è creare un momento speciale per i nostri clienti. E per questo devi spegnere il telefonino”.

Si perché i più fanatici arrivano a saltare sulle sedie, spostano i tavoli, ripetono le foto più volte, con e senza flash, e il piatto si fredda. E non c’è sgarbo peggiore per uno chef che si è fatto in quattro per far arrivare in tempo il suo piatto in tavola e alla temperatura giusta.

Dello stesso avviso Gilles Goujon, che guida il tre stelle Michelin L’Auberge du Vieux Puits, a Fontjoncouse, vicino a Perpignan. Anche lui vorrebbe imporre il divieto di fare foto ma sta ancora cercando il modo giusto per proporlo ai suoi clienti. Meno scrupoli si sono posti i ristoratori di New York, molti dei quali sono già passati al divieto senza se e senza ma.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other