MikeTyson “sesso dipendente”. Ex manager: “Per questo non è stato il più grande”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 febbraio 2015 13:12 | Ultimo aggiornamento: 9 febbraio 2015 13:12
Mike Tyson

Mike Tyson

LONDRA – “La dipendenza dal sesso. Per questo Mike Tyson non è diventato il pugile più forte di tutti i tempi”: queste le parole, intervistato dal Daily Mirror, di Rory Holloway, ex manager del campione di boxe. Sarebbe potuto passare alla storia come il pugile più forte di sempre e invece, racconta Rory Holloway, Mike Tyson ha finito la carriera accusato di violenza sessuale. “Abbiamo provato di tutto”, racconta l’ex manager, “per tenere lontano Tyson dai guai. Abbiamo ingaggiato guardie del corpo che lo seguivano ventiquattro ore su ventiquattro nelle settimane prima dei combattimenti ma abbiamo fallito nella nostra missione”.

Nel 1986 Tyson diventò il più giovane campione dei pesi massimi ma solo sei anni dopo fu accusato di aver violentato una miss: Desiree Washington. “Era inevitabile che finisse così”, racconta ancora  Rory Holloway, “sono stupito che così poche ragazze abbiano denunciato Tyson”. A soli 13 anni Tyson era già stato arrestato 38 volte. Cresciuto senza famiglia, “Tyson quando ha raggiunto il successo ha perso la testa”.