Festini Pdl, il sindaco di Parma: “Mai fatto sesso con la escort Nadia Macrì”

Pubblicato il 3 novembre 2010 12:50 | Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2015 15:15

Nadia Macrì

Il sindaco di Parma, Pietro Vignali, smentisce di aver mai avuto rapporti sessuali con la escort Nadia Macrì che, nei suoi racconti ai magistrati, lo ha tirato in ballo.

”Con riferimento alle notizie comparse sulla stampa, in ordine alle dichiarazioni rese da certa Nadia Macrì, il Sindaco di Parma, Pietro Vignali, ne ribadisce, mio tramite, l’assoluta infondatezza, riservandosi di adottare, sul piano giudiziario, tutte le iniziative del caso, a tutela della sua immagine, nei confronti di coloro che contribuiranno, ulteriormente, a diffondere notizie false, quanto diffamatorie, sulla sua persona”.

Lo scrive in una nota diffusa dal Municipio il legale del primo cittadino di Parma, Mario Bonati, replicando a notizie che collegano l’esponente Pdl all’inchiesta sui presunti festini.

5 x 1000

La nota fa riferimento a Nadia Macrì, la escort ‘Nadia’ amica di Perla Genovesi, che ha raccontato ai magistrati di Palermo di avere avuto due incontri sessuali con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in cambio di 10.000 euro.

La donna avrebbe indicato il sindaco Vignali come ”tramite” per arrivare al secondo incontro con Berlusconi ad Arcore, inframmezzato da uno in Sardegna. La donna ha sostenuto di avere conosciuto casualmente Vignali in un bar di Parma, città che frequenta ”quando ho bisogno di soldi”.

Ha riferito di avere conosciuto casualmente Vignali e il suo segretario, il quale le avrebbe detto di avere fatto colpo. Dopo, ha aggiunto, che insieme sono andati in una villa per consumare un rapporto sessuale con Vignali in cambio di 500 euro. Macri’ ha sostenuto anche di aver chiesto al sindaco se poteva rimetterla in contatto con Berlusconi, ricevendo risposta che il premier giorni dopo sarebbe venuto proprio a Parma.

Qualche giorno dopo, aveva aggiunto ancora la escort, Berlusconi l’avrebbe chiamata per telefono e avrebbero organizzato il secondo incontro ad Arcore.