Sara Tommasi “scompare” all’autogrill: salta la presentazione del porno

Pubblicato il 2 Luglio 2012 11:28 | Ultimo aggiornamento: 10 Marzo 2015 12:42

FIRENZE – Sarebbe dovuta andare a San Donnino (Firenze), al Sexy Teatro Excelsior per presentare il suo film porno, ma ad un autogrill Sara Tommasi è scesa dall’auto del suo agente ed è sparita.

“Eravamo in auto, all’altezza dell’autogrill di Lodi quando Sara mi ha chiesto una sosta per andare in bagno, ha raccontato al Corriere Fiorentino Federico De Vincenzo, il manager che ha prodotto e firmato la regia del primo film porno della Tommasi. Il tempo di andarle a prendere delle salviette umidificate ed è scomparsa”.

“Ho avvertito anche la polizia stradale. L’ho recuperata qualche ora più tardi nell’autogrill il vicino a Parma. Mi ha detto di esserci arrivata grazie al passaggio di un camionista. Era in condizioni pessime, e ha scelto di restare a casa di un amico. La Tommasi non sta bene né fisicamente, né psicologicamente”.

“Adesso Sara Tommasi dice che dopo averle dato della cocaina per costringerla a girare il film porno l’ho drogata perfino con l’eroina. Quella ragazza non sta bene. Bisogna aiutarla. Ma io non ho forzato nessuno, ho le liberatorie. Stamattina diceva di aver avuto un contatto con l’aldilà e con il suo amico alieno. Ecco chi è che mi accusa”.

5 x 1000

In ogni caso De Vincenzi di una cosa è certo: il film porno della Tommasi sarà disponibili nelle edicole e su internet dal 7 luglio.

La madre della Tommasi: “Mia figlia non si è mai persa”. ”Mia figlia Sara Tommasi non si e’ mai persa in un autogrill”. E’ quanto precisa in serata Cinzia Cascianelli, mamma dell’ex naufraga dell’Isola dei famosi che in un comunicato smentisce le dichiarazioni di Federico De Vincenzo che si e’ presentato come il suo agente. ”In relazione all’incredibile racconto di Federico De Vincenzo circa il fatto che, mentre la conduceva a Firenze, mia figlia Sara, sarebbe fuggita a Lodi per ricomparire in un autogrill, preciso che le affermazioni di De Vincenzo sono totalmente inventate, perché Sara era con me ed il padre e Federico ne era perfettamente al corrente. Non ha fatto altro che tempestarla di telefonate, per spingerla, nonostante il suo stato di salute, ad andare allo spettacolo del 30 giugno a Firenze”. La ragazza infatti sarebbe con i genitori, sottoposta a terapia farmacologica visto il suo stato di salute.