Elezioni Grecia: Tsipras vince ma ha bisogno della destra

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 Settembre 2015 18:21 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2015 11:39
Grecia, exit poll: Tsipras vince ma non ha maggioranza

Grecia, exit poll: Tsipras vince ma non ha maggioranza

ATENE – Alexis Tsipras vince ma non ha la maggioranza e torna ad allearsi con la destra di Anel. Nel suo secondo mandato in meno di un anno il leader di Syriza accelera: giurerà oggi stesso, lunedì 21 settembre, alle 19 ora italiana (le 20 in Grecia) e subito, stasera stessa o martedì, formerà il nuovo governo.

I risultati ufficiali relativi allo scrutinio del 99,53% dei seggi danno a Syriza il 35,47% dei voti (145 seggi), ai conservatori di Nuova Democrazia il 28,09% (75 seggi), ai neonazisti di Alba Dorata il 6,99% (18 seggi), ai socialisti del Pasok, alleati al partito di sinistra Dimar, il 6,28% (17 seggi), ai comunisti del Kke il 5,55% (15 seggi), alla formazione di centro-sinistra To Potami il 4,09% (11 seggi), ad i Greci Indipendenti di Anel il 3,69% (10 seggi) e all’Unione Centrista il 3,43% (9 seggi). Resta fuori dal parlamento greco Unione Popolare, il partito formato dai dissidenti di Syriza, che si è fermato al 2,86%, sotto la soglia di sbarramento del 3%.

Tsipras giurerà lunedì nelle mani del presidente della repubblica greca Prokopis Pavlopoulos, mentre l‘esecutivo dovrebbe prestare giuramento martedì. Il neo-premier incontrerà i dirigenti di Syriza, poi vedrà il partner di governo Panos Kammenos, leader di Anel. I due stanno valutando la possibilità di mantenere nel nuovo esecutivo alcuni dei membri del governo ad interim. In particolare a Giorgos Chouliarakis – ministro pro tempore delle finanze – potrebbe essere assegnato il delicato nuovo ministero per l’attuazione del Memorandum, mentre Yannis Mouzalas resterebbe ministro per l’immigrazione.