Antonio Razzi: “Berlusconi poteva sparire e invece… c’è”

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Maggio 2014 14:42 | Ultimo aggiornamento: 27 Maggio 2014 14:42
Antonio Razzi: "Berlusconi poteva sparire e invece... c'è"

Antonio Razzi stringe la mano a Silvio Berlusconi (Foto Lapresse)

PESCARA – ”Chiunque altro al posto di Berlusconi, oggi, sarebbe sparito dalla scena politica. E invece… c’è”. Così il senatore di Forza Italia Antonio Razzi commenta il voto delle Europee che hanno visto il suo partito precipitare al 16%, ben lontano dalla soglia psicologica fissata dallo stesso Berlusconi al 20%.

Berlusconi, spiega Razzi, sarebbe stato danneggiato dai fedelissimi che lo hanno abbandonato e dalle sue vicende giudiziarie:

”Dico solo che le defezioni di quanti si dicevano fedelissimi al Presidente hanno inferto un grave colpo all’intera struttura del partito che solo con una presenza forte come quella di Berlusconi poteva sopportare”.

E ancora:

Vogliamo parlare della condanna? Dell’impedimento di svolgere la sua campagna elettorale liberamente? Tutto e tutti contro di lui nessuno avrebbe potuto, in queste condizioni, riportare la percentuale che promette la ripresa futura. Per molto meno, sono spariti interi partiti dalla scena politica italiana senza né rappresentanti né leader che potevano dirsi tali. Sono spariti, ha concluso il senatore Razzi, finanche personaggi politici che hanno ricoperto la carica di ministro nei passati governi e questo la dice lunga sulla consistenza politica e sulla popolarità di Berlusconi”.