Berlusconi: “In Italia la sovranità appartiene a Magistratura Democratica”

Pubblicato il 21 Marzo 2010 18:02 | Ultimo aggiornamento: 21 Marzo 2010 18:02

«In questo momento in Italia la sovranità appartiene a Magistratura Democratica». Lo ha affermato Silvio Berlusconi nel corso di una conferenza stampa a Firenze a sostegno della candidata del Pdl Monica Faenzi a presidente della Regione Toscana. Ad un giornalista che gli chiedeva se ritenesse schierata politicamente anche la magistratura fiorentina, che sta conducendo l’indagine sugli appalti relativi al G8 e sulla Protezione Civile, Berlusconi ha risposto: «Se le sembra una situazione accettabile in una democrazia me lo dica lei…». E poi, ha ricordato il Cavaliere ponendo il caso personale «in 16 anni di accuse io sono stato sempre assolto».

Le intercettazioni «sono mezzi inidonei a essere considerati mezzi di prova – prosegue il premier – È assurdo che conversazioni private   possano essere trascritte dalla stampa. Senza contare che nel sonoro si possono fare dei tagli che ne stravolgono il senso, e lo stesso nel trascrivere le intercettazioni sulla stampa».

«Lo prendo come impegno: non solo pianterò un albero, ma in caso di vittoria arriverò con un potente mezzo con sopra un ulivo millenario». Con questa la battuta Silvio Berlusconi ha commentato l’invito che gli ha fatto Monica Faenzi, la candidata del Pdl alla presidenza della Regione Toscana, nel caso in cui il centrodestra vincesse le prossime elezioni regionali. «Caro presidente, se vinceremo la invito a piantare l’albero della vittoria», aveva detto poco prima l’onorevole Faenzi.

«Certo, qui i numeri sono difficili, ma la scontentezza dei cittadini toscani che riscontriamo sempre più spesso, ci fa dire che stavolta una speranza c’è – prosegue il premier – Il programma della Faenzi farebbe un gran bene alla Toscana. In regioni come questa e l’Emilia Romagna da 40 anni governano sempre gli stessi: ne discende l’occupazione di tutti i gangli della vita sociale e istituzionale. Ho almeno un cassetto pieno di lettere di toscani che protestano per la sanità».

«Sarebbe importante che in Toscana» gli elettori moderati «non disperdessero i loro voti: votare l’Udc è un voto gettato, perchè l’Udc non raggiungerà il 4% e abbiamo incontrato nel loro elettorato una grande scontentezza per come si sono comportati, alleandosi secondo la convenienza regione per regione». In Toscana l’Udc si presenta da solo, con il candidato governatore Francesco Bosi. «In Toscana -ha riabadito Berlusconi- il voto all’Udc è un voto gettato e inutile».