M5s, Salvini niente processo. Piattaforma Rousseau: voto pro governo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 febbraio 2019 22:17 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2019 9:24
M5s, sulla piattaforma Rousseau vince il sì all'immunità per Matteo Salvini

M5s, sulla piattaforma Rousseau vince il sì all’immunità per Matteo Salvini

ROMA – I militanti del Movimento 5 stelle hanno votato sulla piattaforma Rousseau: vince il “sì” all’immunità per il vicepremier Matteo Salvini nel caso sulla nave Diciotti. Sulla piattaforma hanno votato in 52.417, il 59,05% contro autorizzazione procedere.

Le votazioni sul caso Diciotti si sono chiuse alle 21:30 di lunedì 18 febbraio. La partecipazione, sin dalle prime ore, è risultata particolarmente alta. 

La votazione odierna – si legge sul Blog delle stelle – “entra nella storia di Rousseau per essere stata quella con il maggior numero di votanti di sempre in una singola giornata. Un record. E ciò conferma l’importanza dei principi di democrazia diretta all’interno del MoVimento 5 Stelle”. Fino a oggi il primo gradino del podio era occupato dal voto sulle Quirinarie del gennaio 2015, quando votarono 51.677 iscritti.  

Relativamente alla risposta: “Sì, è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato, quindi deve essere negata l’autorizzazione a procedere” hanno votato 30.948 (59,05%). Relativamente alla risposta: “No, non è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato, quindi deve essere approvata l’autorizzazione a procedere” hanno votato 21.469 (40,95%). La maggioranza “ha pertanto deciso che il fatto è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato, quindi deve essere negata l’autorizzazione a procedere”. 

IL RINGRAZIAMENTO DI DI MAIO – “Grazie a tutti i 52.417 iscritti che oggi hanno partecipato alla votazione online su Rousseau. Far votare i cittadini fa parte del nostro DNA, lo abbiamo sempre fatto come accaduto per il contratto di Governo, per la scelta dei nostri parlamentari o per i programmi. L’altissimo numero di votanti dimostra anche questa volta che Rousseau funziona e si conferma il nostro strumento di partecipazione diretta”: con queste parole il vicepremier e capo politico di M5s Luigi Di Maio ha commentato su Facebook il risultato sulla vicenda Diciotti dopo il voto online.  

“Con questo risultato – aggiunge – i nostri iscritti hanno valutato che c’era un interesse pubblico nella vicenda Diciotti e che era necessario ricordare all’Europa che c’è un principio di solidarietà da rispettare. Sono orgoglioso di far parte dell’unica forza politica che interpella i propri iscritti, chiamandoli ad esprimersi. Presto ci saranno votazioni anche sulla nuova organizzazione del MoVimento 5 Stelle”. 

IL COMMENTO DI SALVINI – “Ringrazio gli iscritti M5s per la fiducia, ma non è che sono qui a stappare spumante o sarei depresso se avessero votato al contrario. Sarei stato disponibile ad affrontare anche qualsiasi altro voto, non ho problemi. Se uno ha la coscienza a posto come ce l’ho io non vive con l’ansia”: con queste parole il vicepremier Matteo Salvini ha commentato commenta, a Sassari, la votazione degli iscritti M5S sull’autorizzazione a procedere nei suoi confronti.

“Per me il Governo non era e non è in discussione: il processo, il voto in Abruzzo, il voto in Sardegna, i sondaggi… il Governo va avanti, punto. Manderò un sms a Luigi Di Maio. Lo ringrazio per la correttezza, l’avrei ringraziato anche se il voto fosse stato diverso perché lui si era espresso in maniera chiara. In democrazia – ha aggiunto Salvini – il popolo è sovrano. I Cinquestelle sono stati sempre duri, ma per altri tipi di reati: di solito i parlamentari venivano processati per truffa, corruzione. Questo era un atto politico per il bene degli italiani, ne ero convinto io ed anche la maggioranza dei loro elettori”.