Manovra, passa la fiducia alla Camera: Berlusconi in Aula

Pubblicato il 14 Settembre 2011 14:19 | Ultimo aggiornamento: 14 Settembre 2011 17:48

Silvio Berlusconi (Foto Ap)

ROMA – L’Aula della Camera conferma la fiducia al governo sulla manovra economica. I sì sono stati 316 , 302 i no. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dopo essere stato al Quirinale per un breve incontro con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, era presente alla Camera.

L’esito della votazione è stato appreso in Aula dal presidente Berlusconi che, dopo aver lungamente conversato con diversi deputati del Pdl, aveva preso posto ai banchi del governo.

Tra le principali misure del provvedimento, un nuovo giro di vite sulle spese dei ministeri e degli enti locali, l’innalzamento dell’età pensionabile delle donne, l’aumento dal 20% al 21% dell’Iva, il taglio delle agevolazioni fiscali, l’inasprimento della lotta all’evasione fiscale compreso il carcere per i grandi evasori, il contributo di solidarietà del 3% per i super ricchi e licenziamenti più facili.

La fiducia ottenuta oggi alla Camera è la numero 50 per il Berlusconi IV nei suoi tre anni di vita. Il governo Berlusconi II, in carica dal 2001 al 2005, aveva posto 31 questioni di fiducia in poco meno di quattro anni. Il Berlusconi IV aveva ottenuto la fiducia prescritta dalla Costituzione dopo la sua formazione, il 14 maggio 2008 alla Camera, e il 15 maggio al Senato.