Mattarella esamina asse Pd-M5s senza Renzi, Di Maio frena: “Presidenza Camera a chi tratta”

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 marzo 2018 1:40 | Ultimo aggiornamento: 6 marzo 2018 14:36
Mattarella vuole asse Pd-M5s senza Renzi. Ok da Di Maio che poi frena: "Presidenza Camera a chi tratta"

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella (foto Ansa)

ROMA – Il presidente Sergio Mattarella sta ragionando su a chi dare l’incarico per formare il Governo conseguenza del voto del 4 marzo per le elezioni 2018. Secondo quanto trapela in queste ore, Mattarella vedrebbe bene un asse Pd-M5s senza Renzi. I tempi non saranno però brevi e a quanto pare il Quirinale non intende forzare la mano sulle alleanze dato che questo passaggio toccherà alle forze politiche. Avrà l’incarico chi dimostrerà di avere più chance di portare a casa il risultato.

M5s, ufficialmente smentisce questa possibilità. La strategia del Movimento sarebbe quella di offrire la presidenza della Camera in cambio a chi tratta con loro. Scrive Il Corriere:

“(..) Il Movimento ha chiarito pubblicamente come intende muoversi, che ritiene di essere centrale nella nascita dell’esecutivo. E ora la strategia è quella di aspettare le mosse degli avversari, ribadendo la volontà dei Cinque Stelle di essere centrali nell’esecutivo che verrà. ‘Possono scegliere se provare a fare un passo per salvare il Paese o tornare alle urne prendendosi le loro responsabilità’ è il ragionamento dei vertici. ‘Nessuna preclusione, nemmeno ai forzisti di Silvio Berlusconi’, insistono lasciando aperte tutte le strade. Certo, per alcune tematiche e per alcune scelte anche in seno alla squadra di governo verrebbe più naturale pensare a un asse con Pd e Leu (allargato forse anche ai centristi), ma la mossa delle ‘dimissioni congelate’ di Matteo Renzi ha lasciato qualche perplessità.

“(…) Trovare convergenze con i dem derenzizzati sarebbe più semplice, tuttavia lo scenario ‘è in divenire’. ‘Se la sbrighino loro, ma a vedere i commenti pubblici la scelta di Renzi pare non essere stata apprezzata nel Pd’, dicono i pentastellati. E ragionano: ‘Noi siamo stati chiari e siamo nella posizione ideale di potere seguire gli sviluppi’- Il Movimento, insomma, non vuole calcare la mano e spera in un intervento istituzionale o interno al Pd che porti a un chiarimento in un senso o nell’altro”

“(…). Il rebus (e le soluzioni) sono più che altro numeriche. I pentastellati dovrebbero arrivare a 230-240 deputati. Il conto alla rovescia per arrivare al governo, quindi, abbraccia 80-100 parlamentari. L’idea è sempre quella di un appoggio esterno all’esecutivo. La partita comprende anche le presidenze delle Camere. I Cinque Stelle sono disponibili a sostenere un candidato «esterno» per uno dei due rami del Parlamento con l’obiettivo — essendo il primo partito — di vedere riconosciuto il loro ruolo nell’altro ramo. A Montecitorio i pentastellati — che negano ogni indiscrezione — hanno in pole il nome di Emilio Carelli. Tuttavia, il Movimento in realtà punta a Palazzo Madama. E per la presidenza del Senato i Cinque Stelle vorrebbero indicare una personalità fortemente legata alla storia del Movimento (…)”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other