Montezemolo con chi sta? Franceschini (Pd): “Lo dica”. Della Vedova (Fli): “Venga nel terzo polo”

Pubblicato il 4 Aprile 2011 13:07 | Ultimo aggiornamento: 4 Aprile 2011 17:16

ROMA – Da che parte si schiererà Luca Cordero di Montezemolo se davvero deciderà di entrare in politica? E’ la domanda che agita la politica italiana negli ultimi giorni.

Dario Franceschini, capogruppo del Pd alla Camera, intervenendo a “La telefonata”, su Canale 5, ha detto: ”Mi pare che sia una denuncia molto critica e molto condivisibile dello stato in cui è l’Italia oggi. E’ una dichiarazione piuttosto implicita di discesa in campo. Vedremo, sicuramente è una personalità, ma prima deve essere lui stesso a dire in che modo, con chi, con quale schieramento, con quali programmi”.

Il finiano Benedetto Della Vedova ha invece invitato il presidente della Ferrari a unirsi al Terzo Polo: ”La destra di Bossi e Berlusconi è un progetto vecchio che dimostra di non avere la forza di rinnovarsi. Il nuovo Polo di Fini, Casini e Rutelli deve mostrare la capacità di unire le forze di quanti fuori dai due vecchi blocchi vogliano lavorare per l’innovazione sociale, economica ed istituzionale dell’Italia e su questo terreno sfidare nelle urne ciò che è diventata la destra di Bossi e Berlusconi. Per quel che mi riguarda, penso che Luca Cordero di Montezemolo sarebbe decisamente un benvenuto protagonista di questa avventura”.

Più cauto, ma positivo Italo Bocchino: “Se Montezemolo, che è oggettivamente impegnato nella società civile con Italia Futura, decidesse di scendere in campo, sarebbe sicuramente un arricchimento del panorama politico. Credo che abbia le giuste competenze per farlo – ha affermato a margine della presentazione dell’ingresso di nuovi esponenti nel partito oggi a Napoli – e se deciderà di farlo, potrà dare un contributo positivo”. ”E’ tipico, nei periodi di crisi e di cambiamento – ha concluso – che soggetti forti della società civile possano scendere in campo per dare un contributo al rinnovamento della politica”.

La radicale Emma Bonino ha invece evitato la questione: ”Non so e non mi appassiona molto la decisione di Montezemolo. Non è la prima volta che viene annunciata una sua discesa in campo. Quando sarà vedremo”.

Il primo a commentare l’eventuale discesa in campo di Montezemolo era stato Massimo Cacciari, secondo il quale l’ex numero uno di Confindustria avrebbe in progetto una lista civica autonoma.