Il parlamento afghano boccia 13 ministri di Karzai

Pubblicato il 2 Gennaio 2010 16:41 | Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio 2010 18:05

Pessimo inizio d’anno per il presidente afghano Hamid Karzai. Il Parlamento ha bocciato oltre la metà delle designazioni dei ministri del nuovo governo: respinti i nomi di Sarwar Danish e Ismail Khan, designati ministri della Giustizia e dell’Energia.

La bocciatura di Khan, in particolare, è un colpo importante alla strategia politica di Karzai, che all’ex signore della guerra anti-sovietica e anti-talebano aveva promesso la carica in cambio del sostegno in occasione delle recenti elezioni presidenziali.

Il voto segreto di 200 parlamentari ha bocciato anche la nomina dell’unica donna del governo, Husn Bano Ghazanfar, designata al ministero per i Problemi delle donne. Non sono passate inoltre le nomine dei ministri dell’Alta formazione, degli Affari religiosi e delle Opere pubblici, del Commercio, dell’Economia, delle Comunicazioni e della Salute. In tutto sono state respinte tredici designazioni su ventiquattro.