Matteo Renzi, lavoro e segreto di stato. Alitalia: prime pagine e rassegna stampa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Aprile 2014 8:26 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2014 8:26

Il Corriere della Sera: “Tensioni nel governo sul lavoro”. Una lezione allo sportello. Editoriale di Alberto Alesina e Francesco Giavazzi:

La ragione, forse la più importante, che spiega perché i Paesi dell’euro stanno impiegando tanto più tempo degli Stati Uniti ad uscire dalla crisi riguarda le banche e, in particolare, la mancanza di credito. Questo è accaduto perché, negli interventi di politica economica successivi alla crisi, abbiamo fatto le cose nell’ordine sbagliato. Abbiamo cercato di ridurre i debiti e i deficit dei conti pubblici, dimenticandoci o quasi delle banche. Ma senza credito un’economia non funziona e quindi non cresce, e senza crescita rimettere in ordine i conti è molto difficile. 
Una banca può fare nuovi prestiti se ha sufficiente capitale. Se lo ha perso, come è accaduto durante la crisi finanziaria e la lunga recessione che l’ha seguita, e non lo ricostituisce, non solo non farà nuovi prestiti, ridurrà anche le linee di credito concesse in passato. Il governo federale degli Stati Uniti ha prima obbligato gli istituti di credito a ricostituire il capitale perduto durante la crisi, solo dopo si è occupato della finanza pubblica. In Europa le banche sono ancora piu importanti. Negli Stati Uniti solo metà del credito alle imprese viene dalle banche (il resto direttamente dai mercati tramite azioni e obbligazioni) mentre in Europa è oltre l’80%. L’Europa quindi si sarebbe dovuta preoccupare ancor di più e ancor prima delle proprie banche. Ma non l’ha fatto e ora ne paga le conseguenze. 
Ricapitalizzare le banche è difficile perché il nuovo capitale riduce il valore delle azioni possedute dai vecchi azionisti, e questi, comprensibilmente, si oppongono.

La prima pagina de La Repubblica: “Scontro sul lavoro. Renzi: basta attacchi da soloni milionari”.

La Stampa: “Tagli, le regioni in rivolta”.

Leggi anche: Gramellini, Buongiorno sulla Stampa. Maria Elena Boschi, “Io bella da sola”

Il Fatto Quotidiano: “Alitalia in ginocchio dagli arabi. Il prezzo: 3mila licenziamenti”.

Leggi anche: Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano: “Vedi Omar quant’è bello”

Il Giornale: “La Cgil ordina, Renzi obbedisce”. Editoriale di Alessandro Sallusti:

Sono pochi i temi che devono segna­re un solco invali­cabile tra centro­destra e centrosinistra. Le politiche in materia di la­voro sono tra queste. La si­nistra da una parte ( quella del controllo dello Stato e dei sindacati)i liberali dal­l’altra (meno Stato, più li­bertà di impresa e di lavo­ro). Così sul fisco: la ric­chezza e la proprietà priva­ta (vedi le tasse sulla casa) beni del diavolo da tartas­sare per la sinistra, beni da difendere e proteggere co­me lievito del benessere generale per chi è di cen­trodestra. Su queste diver­sità si gioca la partita del consenso. È una partita che non ammette ambi­guità, si deve stare con chiarezza da una parte o dall’altra. Chi sceglie la via mediana – un po’ di qua è un po’ di là – fa il ma­le del Paese, avallando so­luzioni intermedie che non servono a nessuno se non ad allungare la vita po­litica di chi le vara. Sul tema del lavoro Ren­zi aveva speso molte paro­le, gradite anche in campo liberale. Il suo progetto di riforma non solo contene­va spunti per noi interes­santi, ma per la prima vol­ta sembrava scritto in auto­nomia dall’ala comunista della sinistra e dai sindaca­ti.