Maturità, materie seconda prova cambiano: musica, design e scienze naturali…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Novembre 2014 12:42 | Ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2014 12:42
Maturità, materie seconda prova cambiano: musica, design e scienze naturali...

Maturità, materie seconda prova cambiano: musica, design e scienze naturali…

ROMA – Musica a danza nei licei musicali, design nei licei artistici e scienze naturali allo scientifico. Nei licei linguistici invece non sarà più lo studente a scegliere la lingua d’esame. Solo il liceo classico si salva, mentre le materie della seconda prova della maturità cambiano per il 2015. A non cambiare invece sono le modalità dell’esame, che inizierà per i maturandi il 17 giugno 2015 con la prima prova scritta di italiano.

Nino Cirillo sul Messaggero scrive:

“Gli esami inizieranno il 17 giugno prossimo e si tratterà della tradizionale prova di italiano. Le novità arriveranno il giorno successivo, con la seconda prova appunto. Chi studia Musica quel giorno dovrà affrontare o la Teoria, l’Analisi e la Composizione oppure le Tecnologie musicali. La prova si svolgerà in due parti e in due giorni: la prima può riguardare «l’analisi di una composizione o la composizione di un brano, la realizzazione e descrizione di un percorso digitale del suono o la progettazione di un applicazione musicale». La seconda parte chiamerà l’alunno a una «prova di strumento».

La seconda prova dei Licei Coreutici, invece, prevede che i candidati venga valutati sulle Tecniche della danza. Due prove e due giorni anche qui: un prima parte prevede «un’esibizione collettiva su un tema specifico riferito agli ambiti della sezione classica e contemporanea», con una relazione che accompagni il lavoro fatto; una seconda parte che sarà incentrata su una «prova di esecuzione individuale».
Quanto al Design dei Licei Artistici la prova consisterà nell’«elaborazione di un progetto». Mentre nei Licei Scientifici, per completare il quadro delle materie all’esordio, il ministero potrà indicare Scienze naturali nell’indirizzo Scienze applicate, ma restano «possibile oggetto della seconda prova» le tradizionalissime Matematica e Fisica”.

Solo per gli studenti del classico non cambia nulla:

“la seconda prova sarà una versione dal Latino o dal Greco all’italiano. Per il resto, invece, a ben vedere, ci sono piccole ma importanti novità un po’ ovunque. A cominciare dai Licei delle Scienze umane, dove chi ha frequentato l’indirizzo Economico-sociale potrà essere chiamato a una seconda prova non più soltanto sulle Scienze umane, ma anche su Diritto, Economia e Politica”.

E gli istituti tecnici e professionali?

“La circolare del ministero concede un importante segnale di apertura alla società: per lo svolgimento della seconda prova i ragazzi «potranno eventualmente avvalersi anche delle competenze e conoscenze maturate attraverso le esperienze di alternanza scuola-lavoro, stage e formazione in azienda». Negli istituti che hanno come indirizzo il turismo la seconda prova punterà sulle Lingue e «non solo su materie pratiche» come è stato finora”.