Mediobanca, per il nuovo cda Vincent Bolloré schiera la figlia Marie

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 settembre 2014 11:57 | Ultimo aggiornamento: 26 settembre 2014 11:57
Mediobanca, per il nuovo cda Vincent Bolloré schiera la figlia Marie

Vincent Bolloré (LaPresse)

ROMA – Nuovo volto per il board di Mediobanca. Non solo per la vicepresidenza al femminile, ma anche per l’ingresso della figlia di Vincent Bolloré, Marie, nel cda con il rinnovo del 28 ottobre che sarà deciso dal patto di sindacato che si riunisce lunedì 29 settembre.

Scrive Monica D’Ascenzo sul Sole 24 ore:

Un board che nasce da radici diverse rispetto alla tradizione a partire dal fatto che per la prima volta non sarà l’espresssione di un patto tripartito, dopo la decisione di luglio di eliminare la suddivisione in tre gruppi (soci finanziari, industriali e esteri). In secondo luogo i membri scenderanno da 20 a 18, anche qui con uno snellimento. Infine acquisirà più “peso” la presenza femminile.

Era il 2001, quando per la prima volta una donna entrò a far parte del cda di Mediobanca. Si trattava di Jonella Ligresti. Dopo quattordici anni, fa notizia un’altra prima volta: quella di Maurizia Angelo Comneno alla vicepresidenza. Accanto a lei nel board siederà un’altra new entry, la figlia minore dei quattro di Bolloré, che è già membro dei cda delle società francesi Bolloré Sa,Financiere de l’Odet, Bolloré Participations, Financière V e Omnium Bolloré oltre che del cds di Sofibol. In quota Bolloré sarà, probabilmente confermata una delle due professioniste in scadenza, Vanessa Laberenne e Anne Marie Idrac, insieme a Tarak Ben Ammar.

La riunione del patto di sindacato di lunedì, che darà il via libera alle liste, ratificherà poi altre conferme e altre new entry. A cominciare da Elisabetta Magistretti, indicata nelle scorse settimane come possibile vicepresidente dell’istituto in quota Unicredit. Voci vogliono che abbia declinato l’offerta, così Federico Ghizzoni, ha investito ufficialmente Comneno, che affiancherà alla vicepresidenza Marco Tronchetti Provera. Sempre per Unicredit, poi, verrà confermato Alessandro Maria Decio.

Fra i rappresentanti dei manager accanto al presidente Renato Pagliaro, all’amministratore delegato Alberto Nagel e al direttore generale Francesco Saverio Vinci, siederanno due nuovi consiglieri nella logica della rotazione annunciata dall’istituto: il direttore risorse umane Alexandra Young e il ceo di Che Banca e Compass Gianluca Sichel. A completare il cda poi verranno riconfermati Gilberto Benetton e Angelo Casò ed è da vedere se le minoranze ricandideranno Giorgio Guazzaloca. In quota Fininvest, invece, entrerà nel cda Maurizio Costa, mentre sono da definirsi il candidato in quota Pesenti e quello espresso da Ennio Doris.