Epatite acuta dei bambini, un caso sospetto a Milano, Ue: “Situazione preoccupante, Stati condividano informazioni”

Epatite acuta nei bambini di origine misteriosa. Un nuovo caso segnalato a Milano. Si tratta di un bambino di quattro anni. Per la commissaria alla Salute della Ue, la "situazione è preoccupante. Gli Stati condividano le informazioni".

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Aprile 2022 - 17:43
epatite acuta bambini

Epatite acuta nei bambini, un caso sospetto a Milano, Ue: “Situazione preoccupante, Stati condividano informazioni” (foto Ansa)

Un bambino di quattro anni è sottoposto ad accertamenti all’ospedale San Paolo di Milano per verificare se sia affetto da epatite anomala. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera nelle pagine milanesi, il bimbo – primo caso sospetto registrato a Milano – presentava un colorito giallognolo. I valori del fegato erano molto alterati. Il piccolo ed è arrivato in ospedale nei giorni scorsi. Altri due piccoli pazienti, per cui la malattia è confermata, di sei e undici anni, sono ancora in cura all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (il secondo ha dovuto subire un trapianto di fegato).

Commissaria Ue alla Salute Stella Kyriakides: “Situazione preoccupante, Stati condividano informazioni”

E mentre arriva la notizia che nel 75% dei casi confermati è presente l’adenovirus ceppo F41, a parlare è la commissaria alla Salute della Ue, Stella Kyriakides: “L’Ue segue molto da vicino la situazione, che è preoccupante”. Per questa ragione, gli Stati dovrebbero “condividere tutte le informazioni possibili”.

Stella Kyriakides ha proseguito: “Al 25 Aprile erano approssimativamente 40 casi negli Stati membri. Finora i casi si registrano tra bambini tra un mese e sedici anni di età, la probabile origine è virale, ma abbiamo bisogno di più informazioni, Ecdc pubblicherà domani una prima valutazione”. L’invito agli Stati è di condividere tutte le informazioni possibili.