Gran Bretagna: ricoverati e vittime anche tra i vaccinati. Variante Delta: vaccini proteggono meno

di Alessandro Camilli
Pubblicato il 14 Giugno 2021 - 09:57 OLTRE 6 MESI FA
Gran Bretagna: ricoverati e vittime anche tra i vaccinati. Variante Delta: vaccini proteggono meno.

Gran Bretagna: ricoverati e vittime anche tra i vaccinati. Variante Delta: vaccini proteggono meno. (Foto d’archivio Ansa)

Gran Bretagna doveva dichiarare il tutto finito al 21 giugno ma lo stesso governo ha ammesso che il “tutto finito” non c’è, non qui, non ora, non il 21 di giugno. Perché in Gran Bretagna c’è la variante Delta (indiana) del coronavirus e quindi c’è un ritorno epidemico di Covid.

Per ora piccolo in numeri assoluti ma preoccupante in numeri relativi (velocità di trasmissione e incremento dei nuovi casi). Quel che è peggio, decisamente peggio, è l’ipotesi, quasi certezza, che variante Delta renda meno efficaci i vaccini, tutti i vaccini finora disponibili e somministrati.

Gran Bretanga e variante Delta: ricoveri 334, di cui 42 già vaccinati

Di 334 recenti ricoveri ospedalieri con diagnosi Covid ben 42 hanno riguardato in Gran Bretagna persone che erano già state vaccinate. Su 42 decessi causa Covid di recente registrati in Gran Bretagna 19 hanno riguardato persone già vaccinate con una o due dosi.

Numeri su base statistica ancora piccola ma che lasciano calcolare che una prima e sola dose rispetto alla variante Delta immunizzi al 30%40 per cento la popolazione vaccinata là dove una prima dose immunizzava la popolazione che la riceveva al 60/70 per cento rispetto alla variante detta inglese.

Variante Delta, brutta notizia dagli Usa

Non bastassero i dati britannici, brutta notizia arriva dagli Usa. Lì la variante delta coronavirus praticamente non c’è, ma l’hanno studiata. E hanno visto che epidemiologicamente variante Delta “vira” verso la popolazione giovane, in particolare 18-30 anni.

In parte è ovvio sia così: virus trova nella sua evoluzione porte sbarrate o difficili da aprire (popolazione vaccinata) e porte e campi liberi (popolazione non vaccinata). Quindi si adatta all’habitat a lui favorevole (popolazione non vaccinata). Ma se la popolazione non vaccinata resta percentualmente ampia (come ovvio avvenga se non si vaccinano ragazzi, adolescenti e giovani) ampio è il terreno a disposizione del virus per riprodursi.

E se, come è probabile sempre più avvenga, si riproduce in variante Delta e se, come pare, variante Delta diminuisce efficacia vaccini anche all’interno della popolazione vaccinata, ecco un perfetto dannato triangolo. Virus sopravvive alla grande tra i non vaccinati in variante Delta, variante Delta talvolta aggira o buca vaccini e fa danni anche nella popolazione vaccinata.

Variante Delta in Italia? Un caso a Milano, ed era già stato vaccinato