Tumore alle ovaie, un test delle urine sembra riuscire a rilevarlo precocemente

di redazione Salute
Pubblicato il 12 Febbraio 2024 - 11:56
ricercatrice in laboratorio

Tumore alle ovaie, un test delle urine sembra riuscire a rilevarlo precocemente

Il tumore alle ovaie è una malattia insidiosa che spesso viene diagnosticata solo nelle fasi avanzate, rendendo difficile un trattamento efficace. Tuttavia, un innovativo test delle urine sembra essere in grado di individuare precocemente questa forma di cancro.

Attualmente, non esistono test delle urine per lo screening del cancro ovarico, ma questo potrebbe presto cambiare grazie alla ricerca condotta presso l’Università della Virginia. Utilizzando la nanotecnologia, i ricercatori stanno sviluppando un test che potrebbe individuare il cancro ovarico nelle fasi più precoci, quando le possibilità di guarigione sono più elevate.

Tumore alle ovaie e test urine, lo studio

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American Chemical Society, il team di ricerca ha identificato specifici peptidi nelle urine che potrebbero segnalare la presenza di tumore alle ovaie. Utilizzando il rilevamento dei nanopori, una tecnica che coinvolge il passaggio di molecole attraverso minuscoli pori e la misurazione dei cambiamenti nella corrente elettrica, i ricercatori sono stati in grado di individuare con precisione questi peptidi.

Sebbene questa scoperta sia ancora nelle sue fasi iniziali, ha il potenziale per rivoluzionare il modo in cui viene diagnosticato il cancro ovarico. Attualmente, la malattia viene spesso rilevata solo quando è già in uno stadio avanzato, ma un test delle urine potrebbe consentire una diagnosi precoce e un trattamento tempestivo.

Il dottor Deanna Gerber, oncologo ginecologico presso il Perlmutter Cancer Center della NYU Langone, ha commentato: “Questa tecnologia è entusiasmante perché tutto ciò che può aumentare le nostre possibilità di rilevare il cancro in una fase precoce migliorerà senza dubbio la nostra possibilità di curare un numero maggiore di tumori ovarici”.

Esperti: “Necessarie ulteriori ricerche”

Ma anche se i risultati preliminari sono promettenti, gli esperti avvertono che sono necessarie ulteriori ricerche prima che il test possa essere utilizzato clinicamente su larga scala. La dottoressa Diana Pearre, oncologa ginecologica presso il Roy and Patricia Disney Family Cancer Center in California, ha sottolineato: “Attualmente, non esiste un test delle urine che possa aiutare nella ricerca. Questo è ancora lontano dal raggiungere i pazienti in clinica su larga scala e probabilmente richiederà uno studio di prova per determinarne la sensibilità nel rilevare una malattia rara”.

Tuttavia, nonostante le sfide rimanenti, c’è un ottimismo diffuso riguardo al potenziale della nanotecnologia nella diagnosi e nel trattamento del cancro ovarico. La dottoressa Kecia Gaither, esperta in medicina materno-fetale, ha commentato: “Prevedo che nel prossimo futuro ci sarà probabilmente un’esplosione dell’uso delle nanotecnologie per la diagnosi e il trattamento di altre malattie”.

In conclusione, mentre il test delle urine per il cancro ovarico potrebbe non essere ancora una realtà, rappresenta una promettente direzione per la ricerca medica. Con ulteriori studi e sviluppi, potrebbe diventare uno strumento prezioso nella lotta contro questa malattia debilitante.