Tumore allo stomaco: aggiunta regolare di sale ai cibi ne aumenta il rischio del 41%

Claudia Montanari
Pubblicato il 17 Maggio 2024 - 11:51
Tumore allo stomaco

Tumore allo stomaco, foto ANSA

Il tumore allo stomaco è il quinto tumore più comune al mondo. La sua gravità e la sua associazione con vari fattori di rischio, comprese le scelte dietetiche, lo rendono un importante oggetto di studio per medici ed esperti di salute pubblica. Ora, un recente studio pubblicato su Gastric Cancer ha esaminato i dati di oltre 470.000 individui per investigare la correlazione tra l’aggiunta di sale al cibo e l’incidenza del tumore allo stomaco. I risultati sono allarmanti: le persone che aggiungevano regolarmente sale al cibo a tavola avevano un rischio maggiore del 41% di sviluppare il cancro gastrico rispetto a coloro che lo aggiungevano raramente o mai.

I dettagli dello studio

Questo studio prospettico ha utilizzato i dati della Biobanca britannica, includendo 471.144 partecipanti. Sono stati esclusi i partecipanti con dati incompleti riguardo all’aggiunta di sale al cibo, all’indice di massa corporea (BMI) o ai livelli urinari di sodio o potassio. Anche i partecipanti con cancro al basale o con malattie renali sono stati esclusi.

I partecipanti hanno compilato questionari di base per indicare la frequenza con cui aggiungevano sale al cibo, escludendo il sale utilizzato durante la cottura. Le opzioni di risposta includevano: mai/raramente, a volte, solitamente o sempre. I ricercatori hanno misurato anche i livelli urinari di sodio, creatinina e potassio dei partecipanti, stimando l’escrezione urinaria di sodio nelle 24 ore.

Durante il periodo mediano di follow-up di 10,9 anni, sono stati documentati 640 casi di cancro gastrico. I partecipanti che aggiungevano sempre sale al cibo a tavola avevano maggiori probabilità di essere fumatori, di consumare elevate quantità di alcol e di avere un livello di istruzione inferiore. Dopo aver aggiustato per variabili confondenti come l’attività fisica, l’età, il livello di istruzione, l’etnia, il sesso e il consumo di alcol, i ricercatori hanno scoperto che l’aggiunta regolare di sale al cibo aumentava il rischio di cancro gastrico del 41%.

Questi risultati hanno importanti implicazioni per la salute pubblica. Ridurre l’assunzione di sale potrebbe essere una strategia efficace per diminuire il rischio di cancro gastrico. I medici potrebbero utilizzare la frequenza con cui i pazienti aggiungono sale al cibo come un semplice indicatore per monitorare l’assunzione di sale e il relativo rischio di cancro gastrico.

Commenti degli esperti

Anton Bilchik, MD, PhD, oncologo chirurgico e direttore del programma gastrointestinale ed epatobiliare presso il Providence Saint John’s Cancer Institute di Santa Monica, California, ha commentato:

“Questo studio fornisce ulteriori prove dell’associazione tra una dieta ricca di sale e il cancro gastrico. È noto che un uso eccessivo di sale è associato a un rischio maggiore di ipertensione e malattie cardiovascolari. Questo studio conferma che il sale assunto abitualmente durante i pasti aumenta anche il rischio di sviluppare il cancro gastrico. È quindi imperativo che le persone siano consapevoli degli effetti deleteri di un’eccessiva assunzione di sale.”

Chi è più a rischio di tumore allo stomaco?

Il rischio di cancro gastrico è influenzato da numerosi fattori, tra cui il fumo, l’età avanzata, l’obesità e la storia familiare. Gli studi asiatici hanno precedentemente associato un’elevata assunzione di sale a un maggiore rischio di cancro gastrico, ma questo nuovo studio estende tale associazione anche alle popolazioni occidentali.

Differenze geografiche

Il Dr. Bilchik ha sottolineato che il cancro gastrico è uno dei tumori più comuni nei paesi asiatici, dove vi è una maggiore enfasi sulle misure di screening. Nei paesi occidentali, il cancro gastrico tende a presentarsi più spesso nella parte superiore dello stomaco, una sede più difficile da gestire. Questo potrebbe essere correlato a una maggiore incidenza di obesità e di malattia da reflusso gastroesofageo nei paesi occidentali, entrambi fattori di rischio per il cancro dello stomaco superiore.

Necessità di ulteriori studi

Questo studio ha diversi limiti. Innanzitutto, non può dimostrare che un aumento del consumo di sale causi direttamente il cancro gastrico. Inoltre, si basa sui resoconti dei partecipanti, che non sempre producono dati accurati, e non dispone di dati completi sull’assunzione di sale negli alimenti. La biobanca britannica non riflette necessariamente la popolazione generale, quindi i risultati non possono essere generalizzati.

I ricercatori hanno utilizzato un metodo di stima per misurare i livelli di sodio urinario nelle 24 ore, che potrebbe non rappresentare accuratamente il consumo di sale. Inoltre, i numeri dei casi erano inadeguati per esaminare l’effetto di possibili modificatori come sesso, età, etnia, abitudine al fumo o infezione da Helicobacter pylori. Sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio i sottotipi di cancro gastrico e l’influenza dell’assunzione di sale.

Come ridurre il consumo di sale

Ridurre l’assunzione di sale è una strategia fondamentale per diminuire il rischio di cancro gastrico e altri problemi di salute come l’ipertensione e le malattie renali. Ecco alcuni suggerimenti pratici per ridurre il consumo di sale:

1. Leggere le etichette degli alimenti

Molti alimenti trasformati contengono elevate quantità di sale. Leggere attentamente le etichette degli alimenti può aiutare a fare scelte più consapevoli e a ridurre l’assunzione di sale.

2. Cucina con spezie e erbe aromatiche

Invece di aggiungere sale durante la cottura, prova a utilizzare spezie ed erbe aromatiche per esaltare i sapori. Questo non solo ridurrà il consumo di sale, ma aggiungerà anche un tocco di sapore in più ai tuoi piatti.

3. Assaggiare prima di aggiungere sale

Molte persone aggiungono sale al cibo senza nemmeno assaggiarlo prima. Prova a gustare il cibo prima di aggiungere sale e, se necessario, aggiungine solo una piccola quantità.

4. Limitare gli alimenti salati

Riduci il consumo di alimenti naturalmente salati come salumi, formaggi stagionati, snack salati e cibi in scatola. Opta invece per alimenti freschi e non trasformati.

5. Scegliere prodotti a basso contenuto di sodio

Quando fai la spesa, cerca prodotti a basso contenuto di sodio. Molte aziende offrono versioni a basso contenuto di sale dei loro prodotti, che possono aiutarti a ridurre l’assunzione complessiva di sale.

6. Educare le papille gustative

Le papille gustative si abituano al sale nel tempo. Riducendo gradualmente l’assunzione di sale, potrai riabituarle a percepire meglio i sapori naturali degli alimenti.