Sampdoria-Verona 4-1: Muriel-Eder gol e show

di redazione blitz
Pubblicato il 25 Ottobre 2015 14:45 | Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre 2015 15:29

GENOVA, STADIO LUIGI FERRARIS ‘MARASSI’ – Sampdoria-Verona 4-1, gol: Luis Muriel 11′, Zukanovic 29′, Soriano 45′, Eder 54′, Ionita 75′.

Tutto facile per la Sampdoria che al Ferraris ritrova il successo – un 4-1 sonante – dopo la sconfitta di Frosinone e si rilancia in classifica. Notte fonda invece per il Verona di Mandorlini (la sua panchina è a rischio), che rimane ancora a secco di successi in questo campionato e poco ha potuto contro i blucerchiati quest’oggi.

Qualche sorpresa rispetto alle formazioni annunciate all’ingresso delle squadre. Centrocampo più folto per Mandorlini che abbandona il 4-3-3 per un più prudente 3-5-2 lasciando Jankovic inizialmente in panchina.

Zenga ritrova Silvestre in difesa e completa il tridente con Carbonero assieme ad Eder e Muriel. Il primo tempo è tutto di marca blucerchiata e al decimo la squadra di Zenga passa già in vantaggio. Carbonero ruba palla ad Helander e serve Muriel, il primo tiro del colombiano viene respinto da un difensore ma né Helander né Hallfredsson riescono a spazzare via il pallone che rimane in area permettendo a Muriel di ribattere in gol.

Il Verona non reagisce e solo al 26′ si rende pericoloso con una girata in area di Pazzini che termina di poco a lato. La Sampdoria però è padrona del campo e al 27′ sfiora il gol con Barreto che impegna Rafael dalla distanza. Passa un minuto e arriva il raddoppio: cross di Soriano dalla sinistra, difesa gialloblù in difficoltà e Zukanovic è bravo in tuffo a colpire di testa per il secondo gol.

La gara si chiude praticamente qui. Il resto del primo tempo è un monologo dei padroni di casa che controllano senza problemi e al 45′ vanno ancora in gol: Eder inventa un assist filtrante mettendo Soriano solo davanti a Rafael, per il numero 21 blucerchiato segnare è un gioco semplice. L’intervallo porta novità in casa Verona con Mandorlini che cambia tutto passando al 4?3-3 e inserendo Ionita e Siligardi.

La mossa sembra inizialmente funzionare con gli ospiti che chiudono la Sampdoria nella propria trequarti cercando la rete che potrebbe riaprire la gara e sfiorandola al 4′ con Souprayen, il cui rasoterra termina di poco a lato. Ma è solo una fiammata subito spenta dalla coppia Muriel ? Eder che in area avversaria fanno quello che vogliono. Così Muriel confeziona un assist perfetto per Eder che deve solo appoggiare in rete a porta vuota per il poker blucerchiato.

Il Verona ci mette almeno l’orgoglio e alla mezz’ora accorcia con Ionita che di testa supera tutti sugli sviluppi di un angolo dalla destra battuto da Siligardi. Per la squadra di Mandorlini è l’unico lampo in una giornata nera e solo alcuni errori dei blucerchiati in attacco evitano un passivo ancora peggiore nel finale. Per la Sampdoria applausi e grande festa ma senza Ferrero, oggi assente in tribuna.

Sampdoria-Verona 4-1 (primo tempo 3-0). Il tabellino della partita disputata allo Stadio Luigi Ferraris.

Marcatori: 11’ Muriel (S), 28’ Zukanovic (S), 45’ Soriano (S), 54’ Eder (S), 75’ Ionita (V).

Sampdoria (4-3-3) Viviano, Cassani, Silvestre, Regini, Zukanovic; Barreto (74’ Ivan), Fernando, Soriano; Eder (70’ Correa), Muriel (62’ Bonazzoli), Carbonero. All. Zenga.

Verona (3-5-2) Rafael, Moras, Marquez, Helander (46’ Ionita); Pisano (46’ Siligardi), Sala, Greco, Halfredsson (57’ Matuzalem), Souprayen, Gomez, Pazzini. All. Mandorlini.

Arbitro: Mariani di Aprilia.

Ammoniti: 38’ Gomez (V), 59’ Cassani (S), 70’ Fernando (S), 87’ Sala (V).