Fiorentina, Pradè: “Veretout ha chiesto la cessione. Chiesa no…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Luglio 2019 18:02 | Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2019 18:02
Fiorentina, Pradè: "Veretout ha chiesto la cessione. Chiesa no..."

Fiorentina, Pradè: “Veretout ha chiesto la cessione. Chiesa no…” (Ansa)

FIRENZE – “Inizio con un ‘grazie’, è un sentimento che voglio trasmettere. Sarò trasparente e leale su ogni tipo di situazione”. Lo ha detto il nuovo direttore sportivo della Fiorentina Daniele Pradè, presentato oggi a Firenze.

“Mi piace mantenere le promesse – ha detto ricordando la sua prima avventura in viola, iniziata nel 2012 -. Quando sono andato via dalla Fiorentina mi ha chiamato tutta la squadra, una delle prime telefonate è stata di Astori: lo avevo portato alla Fiorentina, mi ha ringraziato. Gli ho promesso: Davide stai sereno, un giorno ritorneremo insieme. Ecco quel giorno è oggi”.
  

  “Grazie a Joe – ha continuato – e al presidente Commisso che appena mi ha visto mi ha scelto. Voglio iniziare un percorso lungo, insieme anche ad Antognoni e Montella”. “Il grazie è anche a questa città – ha concluso -. E anche da parte della mia famiglia, che è contenta di tornare a vivere a Firenze, una delle più belle città del mondo”.
   
Veretout ha chiesto di essere ceduto, vuole aumentare il suo livello di competitività. Su Chiesa posso dire che parlerò con lui quando rientrerà dalle vacanze, gli spiegherò qual è il nostro progetto poi ci metteremo seduti in maniera molto leale. Non c’è stato ancora nessun tipo di contatto”. Lo ha detto il nuovo ds della Fiorentina Daniele Pradè.

5 x 1000

“Con Veretout speriamo di trovare una soluzione. Per lui non vogliamo contropartite tecniche”.
    Pradè ha parlato anche di Simeone: “E’ un giocatore forte vogliamo rigenerarlo. Non fa parte della lista dei 60″ calciatori in esubero”.

Sul mercato Pradè ha detto di avere “un tetto salariale più alto degli anni precedenti, ma in questo momento ci troviamo in una situazione di difficoltà: la società ha 75 contratti in essere, di cui circa 60 non sono funzionali al nostro progetto. Si parte da una situazione dove è necessario snellire. Ma non mi hanno richiesto plusvalenze”. “Sarà un lavoro difficile, i primi acquisti li faremo dopo il 10 agosto” (fonte Ansa).