Giro d’Italia, Primož Roglič prima maglia rosa. Un ottimo Nibali è terzo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 maggio 2019 20:32 | Ultimo aggiornamento: 11 maggio 2019 20:33
Primož Roglič

Primož Roglič prima maglia rosa del Giro d’Italia di ciclismo. Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO

BOLOGNA – Primoz Roglic ha vinto in 12’54” (alla media di 36,200 km/h) la 1/a tappa del 102/o Giro d’Italia di ciclismo, una cronometro individuale disputata dal centro di Bologna al santuario di San Luca, su un percorso lungo 8 chilometri. Alla luce di questa vittoria, il corridore sloveno ha indossato la prima maglia rosa. Come scrive La Gazzetta dello Sport, alle sue spalle si piazza Simon Yates (Mitchelton-Scott), che aveva scelto di partire tra gli ultimi. Un ottimo Nibali (Bahrain-Merida) è distanziato di 23 secondi. Soddisfatto anche Miguel Angel Lopez (Astana), quarto a 28”. Deluso invece Tom Dumoulin (Team Sunweb), specialista a cronometro, che ha realizzato lo stesso tempo del colombiano.

Le Monde: “Il Giro d’Italia è la gara preferita dai ciclisti”. 

“C’è sempre più rosa sulla tavolozza dei grandi maestri del ciclismo, tradizionalmente ispirati dal giallo del Tour de France”: lo scrive oggi il quotidiano Le Monde, nel giorno della partenza di un Giro d’Italia che definisce come “corsa più affascinante della stagione”.

Alla partenza ci sono “tre specialisti delle corse a tappe” come l’olandese Dumoulin, l’inglese Yates e lo sloveno Roglic. Manca Bernal, ma il colombiano ha dichiarato forfait per una caduta in allenamento”.

Per Le Monde le ragioni di ciò sono nel fatto che si tratta “di un Tour in versione Sky”, dove “anche i corridori vorrebbero sottrarsi alla sceneggiatura di una corsa sotto controllo, e gli audaci sistematicamente riportati all’ordine dal treno infernale della squadra britannica”. “Al Giro -per Le Monde- nessuna squadra, neppure Sky che accompagnava Christopher Froome la stagione scorsa, ha i mezzi per controllare la corsa”.
Fonte Ansa.