Gylfi Sigurdsson, che tragedia: il fratellino della moglie si spara per sbaglio e muore

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 21 Settembre 2020 18:32 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2020 18:32
Gylfi Sigurdsson, che tragedia: il fratellino della moglie si spara per sbaglio muore

Gylfi Sigurdsson, che tragedia: il fratellino della moglie si spara per sbaglio e muore (foto Ansa)

Gylfi Sigurdsson, che tragedia per il calciatore dell’Everton: il fratellino della moglie si spara per sbaglio e muore.

Il giovane cognato della star della Premier League Gylfi Sigurdsson è morto dopo essersi sparato accidentalmente.

Maximilian Helgi Ivarsson, 11 anni, ha sparato per errore con il fucile che aveva preso da un armadio chiuso a chiave ed è morto l’8 settembre.

Era il fratellastro minore della moglie di Sigurdsson, la 31enne Alexandra Alexandra Ívarsdóttir.

Il centrocampista dell’Everton non ha parlato pubblicamente della morte del ragazzo, ma ha continuato a giocare per la squadra nella vittoria per 1-0 sul Tottenham solo cinque giorni dopo.

Massimiliano è stato ricordato come “cosciente, laborioso e brillante” in un necrologio pubblicato sul quotidiano islandese Morgunblaðið.

I membri della famiglia hanno detto nel necrologio che Massimiliano sapeva parlare tre lingue, faceva karate e stava imparando la chitarra.

Era “il nostro bellissimo fratellino con grandi occhi gentili”.

Il centrocampista dell’Everton non ha parlato pubblicamente della morte del ragazzo, ma ha continuato a giocare per la squadra nella vittoria per 1-0 sul Tottenham solo cinque giorni dopo e nella Coppa Carabao.

Sigurdsson non ha parlato pubblicamente della morte di suo cognato, ma è stato coinvolto in un necrologio di famiglia che descriveva Massimiliano come “cosciente, laborioso e brillante”. 

Il testo del necrologio. 

‘La prima parola che ci viene in mente è gratitudine.

«Gratitudine per aver potuto essere con te durante questo breve periodo in cui sei stato qui e goderti la tua meravigliosa presenza.

“I ricordi sono innumerevoli.”