Italia Femminile ko contro Olanda ma il suo Mondiale lo ha già vinto: ha fatto innamorare un Paese

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 29 Giugno 2019 14:52 | Ultimo aggiornamento: 29 Giugno 2019 20:43
Italia-Olanda 0-2: il sogno azzurro si ferma ai quarti

Mondiale Femminile, Italia-Olanda 0-2: il sogno azzurro si ferma ai quarti (foto ANSA/AP Photo/Francisco Seco)

VALENCIENNES – Quarti di finale del Mondiale Femminile, Italia-Olanda 0-2, gol: Miedema al 70′ e Van der Gragt all’80’. 

Il sogno azzurro si ferma ai quarti di finale contro le campionesse d’Europa in carica dell’Olanda. Le azzurre hanno eguagliato il risultato ottenuto nel 1991 ma non sono riuscite a migliorarlo. 

Nonostante l’eliminazione, e la prestazione opaca di oggi, la Nazionale Femminile esce da vincitrice perché è riuscita a far innamorare gli italiani, anche i più scettici. Nel corso di questa competizione, le azzurre hanno registrato record di ascolti sia sulla Rai che su Sky. Sulla tv di Stato, hanno conquistato più ascolti della Nazionale Maschile, impegnata nelle qualificazioni al prossimo Campionato Europeo. 

5 x 1000

Risultati impensabili fino a poco tempo fa. Queste ragazze hanno conquistato davvero tutti perché sono arrivate tra le prime otto squadre del mondo contro ogni pronostico. Hanno vinto un girone con due corazzate come Brasile e Australia e hanno eliminato con autorità la Cina negli ottavi di finale. 

Oggi è stata una partita sporca, molto fisica, condizionata dal caldo e dal fatto che il match si è disputato alle 15, orario davvero improponibile se consideriamo le altissime temperature che si stanno abbattendo sulla Francia (come sull’Italia del resto…). 

Le azzurre hanno sciupato due buone occasioni da gol nel primo tempo, nella ripresa sono scoppiate fisicamente e hanno subito la maggiore brillantezza delle avversarie anche se, alla fine dei conti, la partita è stata decisa da due palle ferme che le olandesi hanno finalizzato al meglio di testa. 

Adesso la Federazione dovrà essere brava a non disperdere tutto questo amore che si è creato intorno alle azzurre. Il calcio femminile deve crescere e questo è il momento giusto per lanciarlo definitivamente tra gli sport che gli italiani seguono maggiormente. 

Italia-Olanda 0-2, la cronaca della partita.

Dopo aver vinto il girone con Brasile, Australia e Giamaica, ed aver eliminato la Cina dagli ottavi di finale, l’Italia vuole continuare a sognare contro le campionesse d’Europa in carica dell’Olanda. In palio un posto tra le prime 4 squadre del mondo. Per l’Italia Femminile si tratterebbe di un record assoluto perché nella sua storia è arrivata solamente due volte ai quarti di finale di un Mondiale e mai in semifinale. 

La prima occasione da gol è stata creata dall’Olanda con Martens al primo minuto della gara. Il cross dalla destra della giocatrice olandese si è trasformato in un tiro insidioso che è uscito di un soffio. Al 3′, una bella iniziativa sulla destra di Van de Sanden è stata fermata con prontezza da Elena Linari. 

Al 6′, il cross di Van Lunteren dalla destra è stato bloccato facilmente dal portiere azzurro Giuliani. Al 20′, l’Italia è andata al tiro per la prima volta in questa gara con Bergamaschi. Il tiro dell’azzurra era lento e centrale ed è stato bloccato senza alcun problema da Van Veenendaal.

Al 25′, Galli, che è una specialista delle conclusioni dalla lunga distanza, ha cercato il gol con un gran destro da trenta metri ma il suo tiro è terminato in curva. Al 36′, Giacinti si è liberata dalla marcatura dei difensori dell’Olanda e ha calciato a botta sicura con il sinistro ma il suo diagonale è uscito di un soffio. Grande palla gol per le azzurre, la prima della partita.

Al 42′, l’arbitro ha ammonito Linari e ha concesso un calcio di punizione all’Olanda dal limite dell’area di rigore. La conclusione di Spitse è stata lenta e centrale, Giuliani l’ha bloccata senza problemi. Il primo tempo è terminato sul risultato di zero a zero, fino a questo momento ha “vinto” il caldo. 

Al 53′, Martens ha cercato il gol con un piazzato dal limite dell’area di rigore ma Giuliani ha bloccato la sua conclusione senza alcun problema. Al 54′, il ct azzurro ha inserito in campo Sabatino al posto di una spenta Bonansea. Al 58′, l’Olanda ha colpito la traversa con un tiro a giro di Van de Donk. Traversa colpita a Giuliani battuta. 

L’Olanda è passata in vantaggio al 70′ con Miedema al 71° gol in Nazionale in appena 80 presenze. Il bomber “arancione” ha segnato di testa sugli sviluppi di un calcio di punizione in favore dell’Olanda. La sua conclusione è stata solamente sfiorata da Giuliani che non è riuscita a respingerla. L’Italia continua a subire gol solamente sulle palle ferme. 

All’80’, la Nazionale Olandese ha chiuso la partita con Van der Gragt. La giocatrice olandese ha segnato un gol fotocopia rispetto a quello realizzato dalla compagna di squadra dieci minuti prima. E’ finita, Italia fuori dal Mondiale a testa alta. 

Italia-Olanda, le scelte degli allenatori. 

ITALIA (4-3-3): Giuliani; Guagni, Gama, Linari, Bartoli; Galli, Giugliano, Cernoia; Bergamaschi, Giacinti, Bonansea. Ct: Bertolini.

OLANDA (4-3-3): Van Veenendaal; Van Lunteren, Van der Gragt, Bloodworth, Van Dongen; Groenen, Van de Donk, Spitse; Van de Sanden, Miedema, Martens. Ct: Wiegman.