Roma, De Rossi frecciata a Zeman: “Non c’è Pjanic? Allora non giocherò…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Gennaio 2013 11:16 | Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio 2013 11:16
daniele-de-rossi-coppa-italia-fiorentina

Daniele De Rossi (LaPresse)

FIRENZE – Daniele De Rossi è tornato a parlare. Il centrocampista della Roma, sotto i riflettori da inizio stagione per il complicato rapporto con Zdenek Zeman, non ha nascosto il malcontento per le scelte tecniche del boemo che lo stanno relegando a un ruolo da comprimario nella rosa giallorossa. “Come sto vivendo questo periodo? Il sentimentalismo e il professionismo vanno di pari passo perché i miei sentimenti sono molto legati alla mia professione, da sempre – ha spiegato De Rossi in zona mista dopo la gara – Gioco con grande passione e lo faccio con la maglia che mi fa battere il cuore, quindi per me non giocare è un dispiacere doppio”.

“Stare poi al centro di un ciclone di polemiche e vedere che uno spicchio, una parte della tifoseria, un pò cattivo e astioso, magari è stanco di vedermi mi fa dispiacere – ha confessato De Rossi – Ma sono orgoglioso di come mi sono comportato, di come ho reagito, ho sempre messo il bene della Roma davanti a tutti. Mi dispiace di non giocare, ma io posso continuare a fare solo quello che ho sempre fatto finora: allenarmi bene, stare zitto, parlare poco, lasciare che parlino gli altri e continuare a fare il professionista”.

I prossimi impegni, invece, metteranno di fronte Roma e Inter in pochi giorni sia in campionato sia in Coppa Italia. “È sempre una partita importante, loro sono un avversario di tante battaglie, di tanti campionati, e li incontriamo tre volte in due settimane – ha ricordato il mediano giallorosso prima di lanciare una frecciata a Zeman – Peccato che in Coppa Italia alla prossima sarà squalificato Pjanic, e quindi penso che non giocherò“.

Il riferimento è alle dichiarazioni di Zeman dopo la sconfitta di Catania in cui il tecnico aveva spiegato che l’assenza del bosniaco al Massimino lo aveva ‘costretto’ a lasciare in panchina De Rossi, preferendogli per caratteristiche il greco Tachtsidis.