Serie A, Roma-Inter streaming e diretta tv, dove e quando vederla

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Dicembre 2018 10:18 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2018 17:48
Serie A, Roma-Inter streaming e diretta tv, dove e quando vederla

Serie A, Roma-Inter streaming e diretta tv, dove e quando vederla (Ansa)

ROMA – Roma-Inter si gioca domenica 2 dicembre alle ore 20.30. La partita verrà trasmessa in diretta tv su Sky Sport e in diretta streaming su SkyGo. 

Una squadra composta da “uomini forti col sangue agli occhi”. Eusebio Di Francesco vuole questo dalla Roma impegnata   all’Olimpico con l’Inter dell’ex Spalletti. “Portare a casa una vittoria sarebbe determinante. Quattro punti dalla zona Champions non sono tanti ma possono diventare tantissimi se non cambiamo marcia – ammette il tecnico giallorosso alla vigilia -. Lo so che c’è grande delusione e capisco l’amarezza, siamo in debito coi tifosi ma abbiamo bisogno del loro grande sostegno”. Al supporto proveniente dagli spalti dovrà però corrispondere l’impegno sul campo.

“Ora abbiamo bisogno veramente di uomini forti. Mentalmente dobbiamo uscire fuori da questo momento visto che alle prime difficoltà tornano le nostre lacune – ricorda l’allenatore abruzzese -. Certo, magari ci vuole anche un pizzico di fortuna cosa che veramente non sta mai accadendo ma sta a noi far girare la ruota. Dobbiamo dimenticare gli errori e giocare con grande determinazione. La squadra deve dare tutto”. Anche perché davanti troverà un avversario che finora “ha dimostrato di essere più forte di noi in campionato”. “Spalletti sta facendo un ottimo lavoro, è un’Inter diversa e in crescita – riconosce Di Francesco -. Il mio desiderio è vedere una squadra col sangue agli occhi, che voglia cambiare passo. Dobbiamo tutti quanti cercare di tirare fuori qualcosa in più. Serve uno scatto mentale e mi auguro di vederlo “.

Anche perché, sottolinea, “non ho mai smesso di lavorare sull’aspetto psicologico della squadra. Devo cercare di dare ancora più forza a questo gruppo. Se pensassi di non poterlo fare dovrei mollare tutto, invece credo che da questa squadra si possa ancora tirare fuori qualcosa anche se ora ho poche scelte da fare”. In effetti gli stop di Dzeko ed El Shaarway hanno limitato le opzioni soprattutto nel reparto offensivo, “ma tra ottobre e novembre è normale avere infortuni se si giocano tante competizioni. La nostra sfortuna è di averli avuti tutti nello stesso periodo”.

Tra i convocati se non altro tornano Perotti e Pastore, “ma il tempo di impiego è relativo, non potranno giocare dal primo minuto” puntualizza Di Francesco, annunciando Under titolare ma non la posizione di Florenzi: “Se giocherà nel tridente offensivo? E’ possibile ma non voglio dare vantaggi a Spalletti. Schick? Abbiamo bisogno di tutti e Patrik deve avere più determinazione e credere di più nei suoi grandi mezzi”. Titoli di coda sull’incapacità di ribaltare il risultato da parte della Roma targata Di Francesco.

“È un dato di fatto che andiamo in difficoltà quando prendiamo gol, e mi rendo conto che in tante occasioni non siamo riusciti a rimontare, ma che pensate che ho l’anello al naso io? – ribatte il tecnico a chi gli fa notare il dato -. Cerco di trasmettere determinati concetti che avevo anche quando ero calciatore, il desiderio di andare immediatamente a rimontare o di segnare subito un altro gol, questa deve essere la mentalità da trasferire ai calciatori, ma non sempre è facile…”.

LEGGI ANCHE:
Classifica, calendario, risultati e marcatori del campionato di Serie A.
Come funziona l’abbonamento a Dazn per vedere le partite di Serie A.
I siti legali dove vedere in streaming le partite di calcio.