Rossi-Marquez-Lorenzo-Pedrosa: a Valencia contro 3 spagnoli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Ottobre 2015 11:21 | Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre 2015 11:23
Rossi-Marquez-Lorenzo-Pedrosa: a Valencia contro 3 spagnoli

Il contatto Rossi-Marquez

ROMA – I veleni di Sepang arrivano a Valencia. Valentino Rossi dopo aver fatto cadere Marquez (provocato dallo spagnolo) sarà costretto a giocarsi le chance di vincere il Mondiale (partirà ultimo in griglia, ma è pure sempre primo con 7 punti di vantaggio su Lorenzo) proprio nella tana del lupo, in Spagna, appunto a Valencia. Un clima che sarà da corrida, con gli altri piloti che potrebbero far passare Valentino per farli guadagnare le prima posizioni, ma poi sarà battaglia perchè Rossi ha davanti 3 piloti spagnoli che difficilmente si lasceranno superare. Il “compagno” Lorenzo, il “nemico” Marquez e “l’incognita” Pedrosa e l’idea di un biscottone spagnolo.

E così mentre in Italia c’è la petizione per togliere la punizione a Valentino Rossi, in Spagna hanno già deciso: è crollato un mito. E badate che la popolarità di Rossi nella penisola iberica è totale. Pari se non superiore a quella dei vari Lorenzo, Marquez e Pedrosa. I toni riportati dalla stampa sono eloquenti e vanno da “Vergognoso” a “Un calcio al motomondiale”, “Sanzione ridicola” “Un calcio alla propria leggenda” e non aiuteranno Rossi a cercare l’impresa.

Si confida allora nella serietà dei piloti, soprattutto dei tre spagnoli, che però potrebbero riservare a Rossi un bel biscottone, rallentandolo mentre Lorenzo va a vincere, aggiudicandosi così il mondiale. Difendere i 7 punti contro Lorenzo, su una pista che il maiorchino ama e il pesarese no, non sarebbe stato comunque facile. Farlo partendo dall’ultima fila e con le tribune che ti ululano contro diventa ancora peggio. Ma la pressione è su entrambi, Lorenzo e Rossi, e anche Marquez non potrà più permettersi certe condotte, nei limiti del regolamento, ma non dell’etica sportiva. I giochi sono compromessi, ma non chiusi. I giochetti speriamo di sì.