Sacchi come Ancelotti: “Sospendiamo le partite in caso di insulti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 novembre 2018 21:01 | Ultimo aggiornamento: 14 novembre 2018 19:48
Sacchi come Ancelotti: "Sospendiamo le partite in caso di insulti"

Sacchi come Ancelotti: “Sospendiamo le partite in caso di insulti” (Ansa)

ROMA – Arrigo Sacchi sposa l’idea del tecnico del Napoli Carlo Ancelotti di sospendere le gare in caso di insulti: ”Sono assolutamente d’accordo. L’Italia ha illuminato il Mondo fino al Rinascimento, ora siamo penultimi nelle iscrizioni alle università. Per la smania di vincere abbiamo tolto tutti i valori. Pur di vincere abbiamo avvicinato le frange più discutibili delle città, dando anche soldi affinché urlassero contro gli avversari”.

Sacchi, a margine della cerimonia di apertura dello ”Sport Movies & Tv Festival”, sostiene il lavoro fatto in Nazionale dal ct Roberto Mancini: ”Bisogna essere fiduciosi in un Paese sfiduciato. Il pessimismo non porta nulla, se non alla disgregazione. Serve ottimismo, crederci e investire un po’ di più sui tanti giovani che abbiamo”.

LEGGI ANCHE:
Classifica, calendario, risultati e marcatori del campionato di Serie A.
Come funziona l’abbonamento a Dazn per vedere le partite di Serie A.
I siti legali dove vedere in streaming le partite di calcio.

Cosa aveva detto Ancelotti

“È difficile se non impossibile essere insultati in Inghilterra, mentre in Francia non c’è la passione che c’è in Spagna e in Italia. La gente non è così coinvolta e partecipe. In Spagna c’è una rivalità forte tra Barcellona e Real Madrid ma non la maleducazione che c’è negli stadi italiani. Ma le gare possono essere sospese per questo”.

Carlo Ancelotti, a Coverciano per la consegna della Panchina d’Oro 2017-2018, spinge per provvedimenti immediati commentando l’episodio di Josè Mourinho che, al termine di Juventus-Manchester United, ha reagito con un gesto provocatorio dicendo di essere stati insultato per 90′.

“Adesso abbiamo un vantaggio, cioè che si possono sospendere le partite – dice Ancelotti -. Si è fermata per la pioggia e si possono fermare anche se si insulta, si può fare e penso che lo faremo. In Italia, a livello di cultura siamo indietro, si pensa ancora che una partita di calcio sia una battaglia, invece è un evento e la maleducazione non deve più entrare”.