Udinese-Bologna: super Di Vaio non basta ai rossoblù

Pubblicato il 3 Febbraio 2011 20:36 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2011 20:36

UDINE- Potevano vincere entrambe, ma il pari e’ il risultato piu’ giusto che premia forse di piu’ il Bologna protagonista di una gara accorta, intelligente nel senso che ha saputo chiudere tutti gli spazi ai bianconeri senza pero’ disdegnare l’offensiva. Ma si accontenta pure l’Udinese che al 40′ della ripresa poteva capitolare, ma e’ stata salvata da Belardi, incerto in precedenza sul gol subito, che ha sventato da campione la conclusione quasi a colpo sicuro di Meggiorini.

Il primo tempo e’ stato sostanzialmente equilibrato e non sono mancate le emozioni, ma anche qualche errore di troppo con il Bologna che e’ parso piu’ organizzato per i primi trenta minuti. Poi si e’ giocato prevalentemente nella meta’ campo dei rossoblu e Viviano ha avuto il suo bel da fare. L’assenza dello squalificato Sanchez in casa friulana si e’ avvertita, mentre chi lo ha sostituito, Denis, ha fatto la bella statuina, specie nei primi 45′. L’Udinese senza il cileno ha avuto difficolta’ a imprimere velocita’ al gioco, a dare pepe alla manovra anche a creare la superiorita’ numerica per cui il sistema difensivo predisposto da Malesani ha funzionato a dovere. Il primo pericolo lo ha corso l’Udinese quando al 10′ Meggiorini, che ha iniziato bene, ha sparato a rete da sinistra, ma Belardi e’ stato bravo a respingere in angolo; sulla conclusione dalla bandierina ha colpito di testa ancora Meggiorini, ma Inler ha salvato sulla linea. L’Udinese si e’ fatta viva tre minuti dopo con un’azione corale, con cross al centro da destra di Pinzi, liberato da Di Natale, ma il tiro e’ stato sventato con sicurezza da Viviano. In questa fase le cose migliori ha continuato a farle la formazione ospite e al 15′, con azione di rimessa, e’ andata vicinissima al gol: Meggiorini ha smarcato dal limite dell’area Di Vaio, il bomber e’ entrato in area, ma ha colpito maldestramente spedendo fuori a tu per tu con Belardi. Dieci minuti dopo Moras, che in precedenza aveva palesato qualche incertezza di troppo, ha sbagliato un retropassaggio a Viviano, sulla palla si e’ avventato Di Natale che ha pero’ sbagliato la conclusione colpendo male e Viviano, anche se in due tempi, e’ riuscito a salvare. L’Udinese sospinta da Asamoah e Inler e’ diventata piu’ pericolosa con il trascorrere dei minuti anche se la retroguardia felsinea, con Britos e Viviano in evidenza, non ha dato segnali di cedimento. Il Portiere del Bologna al 40′ e’ stato bravissimo a neutralizzare una rasoiata dal limite di Inler. La ripresa e’ stata piu’ vivace. Dopo due minuti Di Natale su calcio di punizione da venticinque metri ha sfiorato il gol: sulla conclusione c’e’ stata la deviazione di Meggiorini, ma Viviano si e’ superato e con un balzo felino ha mandato la sfera sulla traversa. L’Udinese ha insistito, ma Viviano e’ stato sempre sicuro.

Al 19′ i felsinei sono passati in vantaggio dopo una splendida azione di rimessa con rasoiata dal limite, vicino al vertice alto spostato sulla destra di Di Vaio, al gol numero 50 con la maglia rossoblu. Poi l’Udinese ha attaccato a testa bassa in cerca del pareggio. L’innesto di Cuadrado e Abdi al posto di Isla e Pinzi, ha dato ulteriore dinamismo e fantasia e il pareggio segnato da Domizzi al 32′ e’ parso quasi inevitabile. Poi si e’ giocato a tutto campo. L’Udinese con Di Natale in evidenza e’ stat apiu’ pericolosa, ma Meggiorini, come detto, al 40′ ha avuto la possibilita’ di colpire mortalmente i friulani, ma ha fallito. Insomma pareggio giusto, ma, forse, sono i friulani a dover recriminare di piu’.