Giro d’Italia 2019, Ackermann beffa Viviani in volata e vince la seconda tappa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 maggio 2019 19:30 | Ultimo aggiornamento: 12 maggio 2019 19:31
Giro d'Italia 2019, Ackermann beffa Viviani in volata e vince la seconda tappa

Giro d’Italia 2019, Ackermann beffa Viviani in volata e vince la seconda tappa (da YouTube)

FIRENZE – Il tedesco Pascal Ackermann ha vinto la 2/a tappa del 102/o Giro d’Italia di ciclismo da Bologna a Fucecchio (Firenze), lunga 205 chilometri.
    Lo sloveno Primoz Roglic ha conservato la maglia rosa che ha indossato ieri dopo la cronometro d’apertura a Bologna.
    Ackermann, con il tempo di 4h44’33”, ha battuto allo sprint il campione italiano Elia Viviani, che ha tentato una rimonta disperata negli ultimi metri, e alla fine si è piazzato al secondo posto. Terzo l’australiano Caleb Ewan, solo quarto il colombiano Fernando Gaviria, tra i favoriti alla vigilia. Quinto posto per il francese Arnaud Demare, sesto l’altro italiano Davide Cimolai.

Giro d’Italia 2019, la seconda tappa è un omaggio a Gino Bartali e Indro Montanelli.

Il 102/o Giro d’Italia di ciclismo, nella 2/a tappa in programma oggi, ha celebrato Gino Bartali e Indro Montanelli. Dall’Emilia alla Toscana, da Bologna a Fucecchio (all’esordio come sede di tappa) su un tracciato lungo 205 km che ha toccato anche le province di Prato e Pistoia, prima di approdare nel comprensorio di Firenze. Montanelli nacque proprio a Fucecchio 110 anni fa, nel 1909, anno in cui si disputò la prima edizione della corsa rosa. Il ritrovo di partenza era fissato in piazza Maggiore, a Bologna, il via è stato dato alle 12.20, dopo un incolonnamento di 5,5 chilometri.

Il percorso è inziato a salire fino allo scollinamento appenninico, seguito da una lunga discesa che porta a Prato. La tappa è proseguita con una serie di salite e discese di varia difficoltà, ma soprattutto con il Gran premio della montagna a Montalbano (il Castra, 424 metri d’altezza, dopo 157,6 chilometri di corsa) di 3/a Categoria: si tratta di una salita lunga 5,8 km con una pendenza del 6,8%.

Altro Gpm dopo 178,7 km, a San Baronto: 340 metri d’altezza di 4/a Categoria. Anche nei chilometri finali non sono mancati i saliscendi, con gli ultimi 4 km su strade strette. Il rettilineo finale è lungo 900 metri e largo 7.
    I traguardi volanti sono posti dopo 130,2 km, a Montespertoli, e dopo 146,7 km, a Empoli. L’arrivo è fissato in via di Fucecchiello, fra le 17 e le 17,30.
Fonte Ansa. 

Il video da YouTube con gli ultimi secondi della seconda tappa del Giro d’Italia di ciclismo 2019 con Ackermann che beffa Viviani in volata.