Filippo Ceccarelli chi è, dove e quando è nato, età, moglie, figli, archivio, vita privata

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Maggio 2021 20:55 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2021 13:26
Filippo Ceccarelli chi è, dove e quando è nato, età, moglie, figli, archivio, vita privata

Filippo Ceccarelli chi è, dove e quando è nato, età, moglie, figli, archivio, vita privata

Chi è Filippo Ceccarelli, dove e quando è nato, età, moglie, figli, archivio, vita privata. Il giornalista Filippo Ceccarelli infatti è tra gli ospiti di Propaganda Live, lo storico programma di Diego Bianchi in onda il venerdì sera su La7 in prima serata.

Dove e quando è nato, età e biografia di Filippo Ceccarelli

Filippo Ceccarelli nasce a Roma il 22 luglio del 1955, ha 66 anni di età ed è un giornalista e scrittore italiano. Nato a Roma, ha cominciato molto giovane la sua attività di giornalista a Panorama, diretto da Lamberto Sechi. Si occupa principalmente del Parlamento, sia come inviato che come giornalista. Dal 1990 lavora presso la redazione romana de La Stampa, occupandosi anche qui di politica.

Successivamente passa a la Repubblica, dove è editorialista. Nel 2000 ha pubblicato il libro Lo Stomaco della Repubblica, saggio monografico sul rapporto tra cibo e comando dal secondo dopoguerra a oggi, per Longanesi.

Moglie, figli, vita privata di Filippo Ceccarelli

Filippo Ceccarelli è sposato con la collega Elena Polidori e la coppia ha due figli, Giacomo nato nel 1987) e Francesca Romana nata nel 1997. Vive a Trastevere, nel cuore di Roma. Nel 2010 ha vinto il Premio Satira Politica nella sezione “Letteratura”.

L’archivio di Filippo Ceccarelli

E’ celebre l’archivio di Filippo Ceccarelli, ovvero una serie di ritagli sui politici, donato nel 2015 alla Biblioteca della Camera dei deputati. Si tratta di una documentazione imponente sulla storia politica degli ultimi quarant’anni, anche nei suoi aspetti legati al costume e, in generale, alla vita dell’Italia contemporanea. L’archivio, completo di indice e composto di ritagli di stampa, agenzie, opuscoli e altro materiale di interesse giornalistico, comprende infatti 1.480 cartelline, ripartite in 334 raccoglitori, per uno sviluppo complessivo di 45 metri lineari. La raccolta costituisce uno dei più importanti complessi documentari di questo tipo, e potrà essere una fonte preziosa per gli storici e per tutti coloro che si interessano alla storia recente dell’Italia.