Russi prima castrano con un taglierino i soldati ucraini e poi li uccidono: il VIDEO postato su Telegram

Soldato ucraino castrato con un taglierino e poi ucciso da un militare russo: il video su Telegram. E' autentico? Probabilmente sì. Il miltare è stato infatti già visto in Ucraina.

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Agosto 2022 - 09:56

Un soldato ucraino prigioniero di guerra è stato castrato da un militare russo con un taglierino. Il video ha fatto il giro dei social ed è stato pubblicato su un canale Telegram filorusso. Si tratta di un fake? Le immagini sembrano essere autentiche. E il filmato fa discutere. 

Soldato ucraino prigioniero di guerra, castrato da un soldato russo

Il militare russo è comparso anche altre volte in alcuni video girati un mese fa durante la conquista russa di Severodonetsk. Questo fatto aumenterebbe quindi le probabilità che si tratti di un video autentico. Il soldato che indossa il distintivo Z ha tagliato prima i vestiti e poi gli organi genitali all’ucraino con un taglierino prima di metterglieli davanti al viso. L’uomo viene poi ucciso   con un colpo di fucile alla testa. Il prigioniero si trova sdraiato a terra con le mani legate dietro alla schiena.

Identificato il militare russo

Il militare russo è stato identificato grazie ad alcuni particolari. L’uomo ha infatti i lineamenti orientali, il cappello con le frange e un braccialetto che è comparso anche in altri filmati. Farebbe parte del reparto Akhmat formato da volontari che si arruolano e vengono addestrati in Cecenia. 

Quello del prigioniero ucraino mutilato e ucciso nel video non sarebbe l’unico caso. A quanto dichiarato dalla difesa ucraina, i russi avrebbero castrato altri uomini.

Svariati cittadini russi hanno commentato positivamente il video approvando quello che viene fatto al prigioniero ucraino. Il governo ucraino ha intanto dichiarato di voler indagare. 

Nel video che segue alcune immagini tratte dal video originale.