Amanda Knox: “Vorrei incontrare i genitori di Meredith”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 settembre 2013 18:41 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2013 18:42
Amanda Knox: "Vorrei incontrare i genitori di Meredith"

Amanda Knox (Foto Lapresse)

ROMA – “Sono innocente. Vorrei incontrare i genitori di Meredith Kercher”: lo ha detto Amanda Knox, intervistata dal settimanale italiano Oggi. Intervista a distanza, visto che la ragazza di Seattle accusata dell’omicidio della coinquilina Meredith si trova negli Stati Uniti e non ha intenzione di tornare in Italia nemmeno per il nuovo processo di Appello che si terrà a Firenze il 30 settembre, dopo che la sentenza di assoluzione è stata annullata dalla Corte di Cassazione. “Non ho più niente là, anni di terapia non mi hanno aiutato, neppure scrivere un libro mi ha liberato. Starei molto meglio solo se il giudice ammettesse di avere sbagliato”.

Oggi è andato a Seattle ad intervistare Amanda, che ha detto loro: “Vorrei incontrare la famiglia della mia amica Meredith. E andare sulla sua tomba senza “impormi” sul dolore dei suoi genitori: spero di incontrarli a metà strada…”.

A chi ancora la ritiene colpevole dell’omicidio di Meredith domanda: “Come posso essere colpevole visto che non ci sono tracce della mia presenza nella stanza dove è stato commesso l’omicidio?”. Per lei è questa la prova della sua innocenza. Nonostante questo dice di avere “massima fiducia nella giustizia italiana, ecco perché sto qua a combattere ancora”.