Amore sempre, nel Medio Evo lo dichiaravano incidendo nell’anello d’oro parole impegnative: “desidero servirti”

Amore sempre da che mondo è mondo, nel Medio Evo lo dichiaravano così: incidendo in un anello d'oro parole impegnative come "desidero servirti"

di Marco Benedetto
Pubblicato il 22 Ottobre 2023 - 11:26 OLTRE 6 MESI FA
Amore sempre, nel Medio Evo lo dichiaravano incidendo nell'anello d'oro parole impegnative: "desidero servirti"

Amore sempre, nel Medio Evo lo dichiaravano incidendo nell’anello d’oro parole impegnative: “desidero servirti”

Amore sempre da che mondo è mondo, nel Medio Evo lo dichiaravano così: incidendo in un anello d’oro parole impegnative come “desidero servirti”.

L’anello d’oro tardo medievale con incisa la dichiarazione d’amore è stato ritrovato con un metal detector in un campo vicino a Frinton, in Inghilterra.

Il motto era scritto in francese, la lingua dell’amore cortese. Tradotto significa “Desidero servirti”, ha dichiarato la storica Lori Rogerson.

È stato trovato a 50 metri di distanza da una targhetta d’argento dorata Tudor dallo stesso ricercatore.

Secondo un esperto, gli oggetti siano stati probabilmente persi nello stesso periodo.

Nonostante sia così “piccolo da stare solo sul mignolo di una donna”,  era probabilmente indossato da un uomo.

Gli anelli incisi con motti cavallereschi francesi erano di moda tra il 1400 e il 1500.

Motti come “desidero servirvi” e “desidero obbedire” erano spesso usati dagli uomini che desideravano servire le loro dame nell’ambito di una tradizione di amore cortese che attraversava l’Europa medievale.

L’iscrizione recita “Je desir vous Ceruir” nel tipo di francese usato in Inghilterra all’epoca – e fa anche rima.

Evidentemente, chiunque potesse permettersi un anello d’oro a quell’epoca faceva parte dell’élite che conosceva il francese.

L’anello e la targhetta sono stati rinvenuti dallo stesso rilevatore in campi a 50 metri di distanza l’uno dall’altro, su entrambi i lati di una strada, anche se in due occasioni diverse.

Poiché l’anello è malconcio e incrinato e la piastrina a uncino è danneggiata, l’esperto interpellato dalla BBC ritiene che possano appartenere alla stessa persona che li stava portando al momento della perdita.

Le targhette erano probabilmente utilizzate in epoca Tudor dalle donne per tenere sollevato uno strato di gonna da un altro in modo che entrambi potessero essere visti.

I reperti sono oggetto di un’inchiesta del medico legale di Chelmsford. Un museo dell’Essex è interessato ad acquistarli.