Atti vandalici contro le le sedi diplomatiche italiane di Barcellona e Berlino. La Procura: “Pista anarchica”. La Farnesina: “Fermati 5 responsabili”

Le parole di Giorgia Meloni: ''Il Governo segue con preoccupazione e attenzione questi nuovi casi di violenza nei confronti dei nostri funzionari e delle nostre rappresentanze diplomatiche''.

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Gennaio 2023 - 11:46
L'ambasciata italiana a Berlino, Ansa

L’ambasciata italiana a Berlino (foto Ansa)

Nella serata di venerdì, come ha spiegato il ministero degli Esteri, alcuni ignoti hanno infranto la vetrata del palazzo dove è ubicato il Consolato Generale a Barcellona, imbrattando una parete dell’ingresso dell’edificio. Sempre ieri a Berlino, è stata anche incendiata l’auto con targa diplomatica di un funzionario diplomatico in servizio all’Ambasciata d’Italia. Le locali forze di polizia hanno effettuato i necessari rilievi scientifici ed investigativi. In ambedue i casi, fortunatamente, non si registrano danni a persone.

Per li pm la prima ipotesi è quella della pista anarchica. Intanto fanno sapere dalla Farnesina che cinque persone sono state identificate e fermate.

Le parole del ministro Tajani

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani, subito informato, ha personalmente e immediatamente contattato l’Ambasciata a Berlino e il Consolato a Barcellona per esprimere la propria solidarietà e ha chiesto che venga fatta al più presto piena luce sulle dinamiche di questi atti criminosi. Il Ministro ha disposto l’avvio immediato delle procedure per la verifica e il rafforzamento delle sedi diplomatiche e del personale impegnato.

Le parole di Giorgia Meloni

“Ho fatto pervenire la mia solidarietà e quella del Governo italiano al Primo Consigliere dell’Ambasciata d’Italia a Berlino, Luigi Estero, per l’attentato che ha provocato l’incendio della sua automobile nella Capitale tedesca. A questo episodio si aggiunge la violazione del nostro Consolato Generale a Barcellona con atti di vandalismo. Il Governo segue con preoccupazione e attenzione questi nuovi casi di violenza nei confronti dei nostri funzionari e delle nostre rappresentanze diplomatiche”. Lo dichiara la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.