Corruzione in Ucraina, una indagine conferma i sospetti: ruberie da 40 milioni di dollari per le armi

di Mario Tafuri
Pubblicato il 18 Febbraio 2024 - 09:31
Corruzione in Ucraina, una indagine conferma i sospettI, ruberie da 40 milioni di dollari nell’approvvigionamento di armi.

Corruzione in Ucraina, una indagine conferma i sospettI, ruberie da 40 milioni di dollari nell’approvvigionamento di armi

Il servizio di sicurezza ucraino (SBU) ha dichiarato di aver scoperto un sistema di corruzione di massa nell’acquisto di armi da parte delle forze armate del paese per un valore di quasi 40 milioni di dollari (1,5 miliardi di grivna ucraine).

La SBU ha affermato che l’appropriazione indebita ha comportato l’acquisto di 100.000 colpi di mortaio per le forze armate ucraine nell’autunno del 2022.Il Ministero della Difesa ucraino ha pagato quasi tutti i fondi al fornitore di armi Lviv Arsenal, ma la SBU ha affermato che le munizioni non sono mai state ricevute.

Invece, ha affermato che parte dei fondi sono stati trasferiti su conti esteri, anche nei Balcani. Dall’inchiesta è emerso che nella frode erano coinvolti ex e attuali alti funzionari della difesa, il direttore e il capo commerciale dell’Arsenale di Lviv e un rappresentante di un gruppo commerciale straniero. La scoperta di un piano di corruzione di massa avrà conseguenze per l’Ucraina poiché continua a resistere all’incessante invasione della Russia mentre cerca di farsi strada verso l’Unione Europea, che ha reso la lotta alla corruzione una precondizione per la futura adesione dell’Ucraina.

Yurii Zbitnev, amministratore delegato dell’Arsenale di Lviv, ha detto ai media locali che il responsabile del contratto sulle munizioni è stato licenziato e che la società sta lavorando con il ministero della Difesa per restituire i fondi allo Stato in modo che possano essere “utilizzati per scopi più appropriati. “La SBU ha affermato che cinque persone sono state incriminate e che una di loro, un ex funzionario del ministero della Difesa, è stata arrestata mentre cercava di attraversare il confine ucraino.

Ha affermato che le autorità stanno lavorando per detenere altri sospettati e che gli accusati potrebbero rischiare fino a 12 anni di carcere. “Il Ministero della Difesa continua a lottare senza compromessi contro coloro che si appropriano indebitamente dell’approvvigionamento di armi. Non c’è posto per i funzionari corrotti”. Lo ha detto sabato il viceministro della Difesa ucraino Dmytro Klymenkov in una dichiarazione.

Negli ultimi anni l’Ucraina è stata perseguitata da scandali di corruzione che hanno coinvolto il suo ministero della Difesa.A dicembre, un alto funzionario del ministero della Difesa ucraino è stato arrestato con l’accusa di aver sottratto 1,5 miliardi di grivna (40 milioni di dollari) in un caso separato riguardante un contratto di proiettili di artiglieria.La notizia è arrivata pochi mesi dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj aveva licenziato tutti i funzionari responsabili dei centri di reclutamento militare regionali.

A settembre, Zelenskyj ha anche licenziato l’allora ministro della Difesa Oleksii Reznikov, citando la necessità di “nuovi approcci” in mezzo ai continui scandali.La CNN ha riferito a dicembre che Zelenskyj stava affrontando crescenti pressioni da parte degli Stati Uniti per fare di più per combattere la corruzione del governo in Ucraina. Funzionari hanno affermato che Washington ha inviato diversi avvisi a Kiev secondo cui alcuni tipi di aiuti economici sarebbero legati ai progressi dell’Ucraina nella riforma delle sue istituzioni.

.