Gang armata irrompe nella sua villa, lui reagisce e li chiama “negri”. A processo

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 luglio 2018 7:07 | Ultimo aggiornamento: 4 luglio 2018 22:05
Gang armata irrompe nella sua villa, lui reagisce e li chiama "negri". A processo

Gang armata irrompe nella sua villa, lui reagisce e li chiama “negri”. A processo

LONDRA – Nel Regno Unito, un ex magistrato di 67 anni è stato arrestato e accusato di aggressione aggravata a sfondo razziale per aver difeso la famiglia da una gang armata
[App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] che aveva fatto irruzione nella sua villa da due milioni di sterline nella campagna inglese.

Nigel Stringer è rimasto agli arresti per tre ore e tuttora è sotto inchiesta mentre la gang, che sembra fosse armata di coltelli, barre di metallo e una balestra, è stata autorizzata ad andarsene liberamente, scrive il Daily Mail. 

Stringer, magistrato per 26 anni, ora è in attesa di processo; la moglie Cindy, 55 anni, dice che dopo l’accaduto vive nella costante paura. Stringer sostiene che la giustizia “scorre nel mio sangue“, il nonno e i genitori lavoravano nella polizia e che quando gli agenti l’hanno arrestato “hanno lasciato mia moglie e le mie figlie senza protezione, alcuni della gang ancora dentro e intorno al nostro giardino”.

Sembra che l’episodio, durante il quale sia Stringer che gli aggressori avrebbero usato il termine “ne**o”, potrebbe essere scaturito da un’aspra disputa con un inquilino per degli arretrati dell’affitto. Secondo il racconto dell’ex magistrato, tre uomini armati avrebbero iniziato a prenderlo a calci e pugni, “ero sanguinante e completamente esausto”. Nel frattempo, sempre secondo Stringer, altri quattro uomini dietro una siepe, sollecitavano un amico con frasi del tipo: “Vai neg*o, picchialo”.  “Non avevo più forza, solo la mia voce e usando le loro stesse parole ho urlato “neg*o sei entrato nel mio giardino e ti colpirò”, non sono razzista”, ha cercato di spiegare Stringer.