Irlanda, terra di emigrazione, scopre l’odio verso gli immigrati: scontri anti migranti hanno incendiato Dublino

Irlanda, terra di emigrazione, scopre l'odio razziale verso gli immigrati: scontri anti migranti hanno incendiato Dublino e scioccato il governo

di Marco Benedetto
Pubblicato il 26 Novembre 2023 - 08:10
Irlanda, terra di emigrazione, scopre l'odio razziale verso gli immigrati: scontri anti migranti hanno incendiato Dublino e scioccato il governo

Irlanda, terra di emigrazione, scopre l’odio razziale verso gli immigrati: scontri anti migranti hanno incendiato Dublino e scioccato il governo

Irlanda, terra di emigrazione secolare, scopre l’odio razziale verso gli immigrati. Gli scontri fra polizia e irlandesi anti migranti di giovedì 23 novembre hanno scioccato il Governo, che ha minimizzato.

L’Irlanda, uscita da secoli di miseria dovuta allo sfruttamento inglese, ha conosciuto negli ultimi anni, grazie all’Europa e al fatto di essere un paradiso fiscale per colossi multinazionali come Google, un progresso tale che ha ribaltato la storia. In scala minore, perché confinata all’estremo nird est del continente, un po’ come l’Italia, da terra di miseria e di dieta a patate (da noi polenta) e di emigrazione in America si è trasformata in calamita per i più poveri del continente e del mondo.

Tutto ha avuto inizio giovedì quando cinque persone, fra cui tre bambini sono state ferite in un solitario attacco al coltello a Dublino giovedì. La polizia non ha voluto rivelare la nazionalità dell’aggressore. L’aggressione ha scatenato rivolte nel centro della città.

Nel corso degli incidenti seguiti all’accoltellamento, riferiscono Conor Humphries e Clodagh Kilcoyne per l’agenzia Reuters, un autobus a due piani è stato incendiato davanti alla statua di Daniel O’Connell e le finestre di un vicino hotel Holiday Inn e di un ristorante McDonald’s sono state distrutte. Un negozio Footlocker è stato saccheggiato.  È stata bruciata anche un’auto della polizia.

“Sono scene vergognose. Abbiamo una fazione completamente folle e di teppisti guidata dall’ideologia di estrema destra impegnata in gravi violenze”, ha detto ai giornalisti il ​​commissario di polizia Drew Harris dopo aver schierato 400 agenti per ripristinare l’ordine pubblico.

Tali rivolte non hanno quasi precedenti a Dublino. Non ci sono partiti o politici di estrema destra eletti in parlamento, ma nell’ultimo anno sono cresciute piccole proteste anti-immigrazione. Il governo sta rivedendo la sicurezza attorno al parlamento dopo che una recente protesta ha intrappolato i parlamentari all’interno.

A seguito dell’accoltellamento, una bambina di cinque anni ha riportato gravi ferite. Anche una donna sulla trentina è stata curata per ferite gravi mentre gli altri due bambini, un bambino di cinque anni e una bambina di sei anni, hanno riportato ferite meno gravi. Il ragazzo è stato dimesso dall’ospedale.

Un uomo sulla quarantina, anche lui in cura per ferite gravi, è stato arrestato dalla polizia che ha detto di non cercare nessun altro sospettato.

Un gruppo di circa 50 manifestanti anti-immigrazione ha sfondato brevemente una barriera della polizia. Alcuni hanno gridato “portateli fuori” e uno ha calciato lo specchietto retrovisore esterno di un’auto della polizia. Un altro era drappeggiato con una bandiera irlandese.

Una folla più numerosa ha quindi iniziato a lanciare oggetti e sparare fuochi d’artificio contro la polizia antisommossa con elmetti e scudi, una volta schierati, e la rivolta è andata fuori controllo. La folla ha cominciato a disperdersi intorno alle 9 di sera.

L’immigrazione netta tra i 5,3 milioni di abitanti dell’Irlanda è salita al secondo livello più alto da quando sono iniziate le registrazioni nei 12 mesi fino ad aprile e circa 100.000 rifugiati ucraini sono arrivati ​​dall’invasione della Russia, tra i più alti pro capite nell’UE.

“C’è un gruppo di persone, teppisti e criminali, che stanno usando questo terribile attacco per seminare divisione”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro della Giustizia Helen McEntee.

“La Gardai (polizia) sta utilizzando ogni forza possibile per ristabilire l’ordine. Ciò non sarà tollerato.”