Londra, guerra agli spogliarelli ed alla prostituzione in vista delle Olimpiadi

Pubblicato il 27 Maggio 2011 19:52 | Ultimo aggiornamento: 27 Maggio 2011 19:52

Le house boat lungo il Tamigi

LONDRA – In previsione delle Olimpiadi del 2012, il Comune di Londra ha iniziato le “grandi pulizie” che porteranno alla chiusura di diversi club di spogliarelli, l’eliminazione delle “house-boat” del Tamigi situate nei pressi dei luoghi delle Olimpiadi e la chiusura di diversi spazi adibiti alla prostituzione.

L’operazione è gestita da un’apposita unità di polizia metropolitana creata nell’aprile del 2010 che ha già condotto 127 raid in altrettante case chiuse. Londra ha iniziato anche a far sloggiare i numerosi senza tetto che vivono in città: per questa ragione, i media britannici hanno parlato di una vera e propria “deportazione di massa”.

La “guerra” ai club di spogliarelli e alla prostituzione, venne condotta anche in vista dei Mondiali del 2006 su richiesta del Consiglio d’Europa, il quale attraverso un documento chiese alla Gran Bretagna di adottare tutte le misure utili a contrastare in quell’occasione il traffico di esseri umani da sfruttare per fini sessuali.