Migranti, bimbo afghano prova a togliersi la vita nel campo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Settembre 2015 6:54 | Ultimo aggiornamento: 25 Settembre 2015 22:00
Migranti, bimbo afghano prova a togliersi la vita nel campo

Foto d’archivio

ZAGABRIA – Un bambino afghano di 9 anni  ha provato a togliersi la vita nel campo profughi croato di Opatovac. Stava disegnando in uno spazio dedicato ai giochi quando all’improvviso ha tirato fuori dalla tasca dei pantaloni una linguetta di una lattina e ha provato a tagliarsi la gola.

A denunciare il fatto è stata la rappresentante Onu Valentina Otmacic: “Non è riuscito a tagliarsi, in pratica non si è provocato danni fisici, ma aveva una borsa piena di pezzi di metallo e ha cominciato a gridare che voleva morire”.

Il bimbo durante il viaggio ha perso la sorella, l’ultima parente rimasta: il padre e la madre, infatti, erano morti in Afghanistan. Il campo di Opatovac si trova vicino al confine con la Serbia e questa settimana sta ospitando 4mila profughi al giorno, tra cui 800 bambini.