Tiger, la classe media britannica pazza per i negozi danesi low cost

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Maggio 2014 7:00 | Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2014 0:18
Tiger, la classe media britannica pazza i negozi danesi low cost

Tiger, la classe media britannica pazza i negozi danesi low cost

LONDRA – La classe media britannica impazzisce per Tiger. Dopo Kate Middleton che veste Zara (e fa shopping da Zara Home), l’ultimo marchio low cost apprezzato dagli inglesi è l’azienda di suppellettili e oggetti per la casa simile ad Ikea, ma più colorata ancora.

Nel Regno Unito Tiger ha aperto 33 negozi, nell’ultimo anno i profitti sono aumentati del 60%, riferisce il Daily Mail. In vendita ci sono candele colorate, frisbee, annaffiatoi, tovaglioli, scopini e anche caramelle e biscotti. Il tutto per poche sterline (cioè pochi euro).

Tiger è una catena danese nata come un “negozio tutto ad un euro“. I suoi prodotti, però, sono colorati e divertenti. Il target è la classe media che non prova imbarazzo a fare acquisti nei discount e nei negozi a poco prezzo, ma che ha ancora il piacere (e la possibilità) di fare shopping acquistando non solo beni di prima necessità.

Il cliente tipo di Tiger è donna, tra i 20 e i 40 anni, ma poi ci sono acquirenti di tutte le età e le provenienze. I negozi, per esempio, vendono anche occhiali da lettura, più adatti ad una clientela non proprio giovane.

Tra i dipendenti del gruppo ci sono dieci designer, che ogni mese creano 300 nuovi prodotti. Più o meno utili, ma sempre spiritosi e low cost. E per la middle class dell’era Kate Middleton questo conta molto.