Aldo Moro. La figlia Maria Fida: “Denuncerò lo Stato italiano. Famiglia discriminata”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 maggio 2018 9:01 | Ultimo aggiornamento: 9 maggio 2018 9:03
Aldo Moro. La figlia Maria Fida: "Denuncerò lo Stato italiano. Famiglia discriminata"

Aldo Moro. La figlia Maria Fida: “Denuncerò lo Stato italiano. Famiglia discriminata”

ROMA – Proprio il giorno dell’uccisione di Aldo Moro nel 1978, il 9 maggio, è stato scelto da Maria Fida Moro, la figlia, per segnalare quella che considera, insieme ai fratelli, una ingiustizia e uno sfregio.[App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz – Apps on Google Play]
E per denunciare lo Stato Italiano alla Corte di giustizia europea.

“Non solo non hanno voluto salvare mio padre ma, quattordici anni fa, si sono anche permessi di fare una legge (206 del 3 agosto 2004, ndr) in favore delle vittime del terrorismo e di applicarla per tutti tranne che per lui. Ho intenzione di fare causa alle istituzioni dello Stato quantomeno per complicità, favoreggiamento e omissione. E se non basta voglio andare alla Corte dell’Aia – visto che il terrorismo è equiparato a una guerra – perché mio padre è vittima di un crimine di guerra. Se dovesse succedere qualcosa a mio figlio o a me, di qualunque genere, in cinque diversi continenti saranno pubblicati documenti che con cura ho raccolto per quarant’anni”.

Sul sito www.salviamoaldomoro.it è stato pubblicato un appello-petizione perché sia applicata la legge in favore delle vittime del terrorismo anche nei confronti di Aldo Moro. Maria Fida e suo figlio Luca Morto scrivono: “Vorremmo che firmaste questo appello-petizione con il quale si chiede al Senato della Repubblica ed alla Camera dei Deputati la totale applicazione della Legge n. 206 del 3 agosto 2004 in favore delle vittime del terrorismo e dei loro familiari e quindi anche di Aldo Moro e della sua famiglia. È talmente ingiusto che l’unica vittima in favore della quale non viene applicata sia la stessa la cui data di morte, 9 maggio 1978, sia stata scelta, con una legge apposita, come simbolica per la giornata della memoria che, collettivamente, ricorda tutte le vittime. E’ ora che il Popolo ricordi al Parlamento il senso della sovranità popolare prevista dalla Costituzione”. (Today.it)

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other