Cannabis light, tribunale Riesame di Genova: “No sequestri se Thc inferiore a 0,5%”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Giugno 2019 16:23 | Ultimo aggiornamento: 22 Giugno 2019 16:23
Cannabis light, giudici dicono no al sequestro se Thc sotto lo 0.5%

Cannabis light, tribunale Riesame di Genova: “No sequestri se Thc inferiore a 0,5%” (Foto Ansa)

GENOVA – La cannabis light non può essere sequestrata se il livello di Thc è inferiore allo 0.5%. Questa la decisione dei giudici del tribunale del Riesame di Genova dopo la sentenza della Cassazione dello scorso 30 maggio.

La vicenda nasce dal sequestro a un negozio di Rapallo, lo scorso 3 giugno, di infiorescenze, flaconcini di oli, confezioni di tisane e foglie a base di canapa sativa. Il commerciante, difeso dall’avvocato Salvatore Bottiglieri, si era opposto rivolgendosi al Riesame e i giudici gli hanno dato ragione, disponendo la restituzione della merce.

Secondo i giudici genovesi, manca una norma che stabilisca quale sia la percentuale di principio attivo che rende un prodotto con efficacia psicotropa. La Cassazione ha stabilito che possano essere venduti prodotti contenenti cannabis sativa ma privi di capacità drogante. L’unico riferimento, al momento, è una circolare del ministero dell’Interno del 2018, interpretativa della legge 242 del 2016, che dice che rientrano tra le sostante stupefacenti le infiorescenze che superano lo 0,5%.

5 x 1000

Questa percentuale, sottolinea il Riesame, “resta l’unico parametro per la potenziale efficacia psicotropa”. Per questo, il pm non può sequestrare tutta la merce ma, in caso di dubbio, prelevare singoli campioni da analizzare e, in caso di soglia superiore, a quel punto procedere al sequestro. (Fonte Ansa)